Hamsik resta a Napoli: perché è saltato il trasferimento in Cina

Hamsik resta a Napoli. In molti ancora non ci credono ancora, ma la presa di posizione del Napoli è stata ben accolta dai tifosi. In realtà, ci sarebbe ancora tempo per trattare fino a fine mese, ma lo stop imposto da de Laurentiis (infastidito dall’atteggiamento cinese) fa pensare che almeno per questo campionato il capitano non si muova da Napoli.

Ma cosa ha disturbato il Napoli? Come riporta Il Mattino, il continuo cambio di carte in tavola da parte dei cinesi del Dalian e gli agenti del centrocampista (quando i giochi erano praticamente già fatti). La società azzurra ha puntato il dito sulle modalità di pagamento che “non collimano con gli accordi precedentemente raggiunti“. L’intesa era stata trovata e sabato il presidente aveva dato il suo benestare all’operazione, ma il capodanno cinese sembra essersi messo di mezzo ritardando l’incontro decisivo.

Nella giornata di ieri, infatti, quando tutto doveva essere messo nero su bianco, è spuntata una nuova proposta: prestito oneroso, per 5 milioni, con diritto di riscatto fissato a 15. Tutt’altra cosa, quindi, rispetto ai 20 milioni cash pattuiti inizialmente. Oltre alla dilazione, de Laurentiis sarebbe rimasto poco convinto anche delle garanzie bancarie. Insomma: “tutto fumo e niente arrosto”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più