Savoia-Herculaneum, rischio divieto di trasferta per i tifosi ospiti

Savoia-Herculaneum

Nei giorni scorsi si era paventata addirittura l’ipotesi che si potesse giocare in serale, per rendere ancor più da grandi occasioni l’atmosfera. Invece l’atmosfera di Savoia-Herculaneum sarà probabilmente ancora una volta quella da occasione mancata. L’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive ha infatti segnalato come partita a rischio l’incontro in programma il prossimo 22 novembre allo stadio  “Giraud” di Torre Annunziata.

Ciò significa che il big match tanto atteso del girone A di Eccellenza potrebbe essere sottoposto a misure restrittive circa l’afflusso dei tifosi onde evitare problemi di ordine pubblico, che secondo le autorità competenti potrebbe non essere garantito. “L’incontro di calcio Oplonti Pro Savoia-Herculaneum 1924, connotato da alti profili di rischio, è rinviato al Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive, ai fini dell’individuazione di misure di rigore” si legge, infatti, testualmente nella determinazione n. 41 pubblicata proprio poche ore fa.

Ciò significa che una decisione in merito alla partita sarà presa solo dal Casms, in accordo con il prefetto di Napoli e gli organi di pubblica sicurezza di Torre Annunziata ed Ercolano. Organi già scottati dagli spiacevoli episodi di violenza avvenuti nel corso della gara tra i biancoscudati e il Portici, tra le fila dei cui tifosi sarebbero stati presenti anche supporters della Turris, acerrima rivale sia del Savoia che dell’Herculaneum.

Proprio l’accesissimo derby vesuviano tra i granata e la formazione torrese l’anno scorso subì una sorte molto simile a quella preventivata per Savoia-Herculaneum, con la gare d’andata (al “Solaro”) totalmente a porte chiuse e quella di ritorno aperta al solo pubblico casalingo. Le possibilità che ciò si ripeta sembrano purtroppo ripresentarsi anche per quella che sarebbe di diritto la sfida più affascinante del campionato per blasone, posizioni in classifica e numero di tifosi mediamente al seguito della propria squadra, se solo si desse loro la possibilità di recarsi allo stadio.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più