Savoia-Herculaneum, Squillante: “Battuta squadra ottima ma non grande”

Squillante

Savoia-Herculaneum si è da poco conclusa, 0-4 il punteggio, e nella sala stampa del “Giraud” si presentano per primi proprio i vincitori, con mister Squillante, il ds Mignano e il centrocampista Costantino a dire la loro su una partita di fondamentale importanza per il prosieguo del campionato.

Mister una partita non facile eppure l’Herculaneum anche al cospetto del Savoia ha mostrato tutto il suo valore, come giudica la gara?
Credo che abbiamo vinto meritatamente, facendo il nostro gioco dall’inizio alla fine della gara. E questo sicuramente non era facile, perché di fronte avevamo il Savoia, che è un’ottima squadra, ma non è una grande squadra. Sapevamo che aveva tanti punti forti ma anche alcuni deboli e abbiamo cercato di colpire proprio lì e devo dire che ci siamo riusciti in pieno.

Ora si può parlare di fuga?
Beh, rispetto a loro adesso abbiamo dieci punti di differenza e a me – se continuiamo a lavorare come abbiamo sempre fatto – dieci punti non me li prende nessuno. E’ anche vero che però dalla seconda, il Portici, vantiamo solo quattro lunghezze e quindi dobbiamo fare ancora molta strada.

Sul 4-0 ha indicato ai suoi di fare anche il quinto, come mai?
Con la Battipagliese sono venuto qui e ho preso cinque palloni e c’era Scarpa che mi chiese se si dovevano fermare, ma io dissi di no, perché credo che l’avversario viene umiliato quando si fa melina, non quando si gioca a calcio. Infatti mi sono arrabbiato coi miei quando abbiamo cominciato a farla.

Tra i “suoi” anche uno stoico Costantino, rimasto sul terreno di gioco fino al 68′ nonostante più volte in campo desse segno di non stare benissimo.

Che problema hai avuto?
Verso la metà del primo tempo ho avvertito un risentimento al flessore della gamba sinistra, poi uno scontro con Gargiulo ha acuito il dolore e alla fine sono dovuto uscire.

Il campionato ora lo può perdere solo l’Herculaneum?
No, questo no. Credo che ci sono tante squadre forti, come lo stesso Savoia, ma anche la Nuova Boys Caivanese ed il Portici, che ci daranno del filo da torcere sino alla fine. Noi, però, siamo consapevoli che stiamo facendo bene e abbiamo tutte le intenzioni di continuare a farlo.

La parola passa poi al direttore sportivo granata, Marco Mignano?

Direttore l’Herculaneum ha dieci punti in più al Savoia e l’ha battuta 4-0, eppure all’inizio doveva essere la vostra principale rivale. Crede che questa differenza sia dovuta più alla vostra bravura o ai problemi che sta avendo il Savoia?
Per quanto riguarda il Savoia non posso mettere il becco in cose che non mi riguardano. Noi pensiamo solo ai noi stessi. Abbiamo allestito una squadra importante che ci sta dando delle soddisfazioni, ma continuiamo a lavorare duramente senza montarci la testa.

A proposito della testa (quella della classifica), ora chi teme di più tra Portici, Caivanese e Savoia?
Noi non temiamo nessuno ma rispettiamo tutti, poi alla fine faremo i conti e vedremo chi è stato più bravo.

 

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più