Vandali al San Paolo, de Magistris “Il vero tifoso sostiene anche la città e lo stadio”

Napoli – Nelle ultime giornate del Campionato di Serie A, lo Stadio San Paolo di Napoli si è visto depredato dei sediolini e devastato all’interno dei bagni della Curva A. Il Sindaco de Magistris resta indignato dinnanzi a questi atti e predica più rispetto verso la città e lo stadio stesso.

Durante un’intervista il sindaco di Napoli si mostra visibilmente colpito dalla vicenda del San Paolo, dove alcune persone hanno letteralmente staccato e portato a casa dei sediolini dello Stadio, sia come ricordo, sia per rivenderli su siti online.

Lo stadio, come già annunciato, quest’estate subirà degli importanti lavori di restaurazione, questi tifosi, o presunti tali, hanno voluto portare con se un piccolo ricordo, un souvenir.

Ovviamente non si tratta dell’intera tifoseria, che anzi si schiera a spada tratta contro l’inciviltà di questi individui sui social, indignati da simili comportamenti dei loro concittadini.

Come quando ristrutturi una scuola, e la affidi agli studenti, anche quando si ristruttura bene lo stadio lo si affida a qualcuno, ai tifosi che ci vanno la domenica“. Prosegue il primo cittadino riferendosi direttamente ai colpevoli, lo stadio è della città, è della squadra del cuore, un patrimonio da conservare nel migliore dei modi. “Mi auguro che il vandalo di turno venga isolato, questa è una sfida di maturità, il tifoso non sostiene solo la squadra ma anche la città e lo stadio.”

Le speranze di de Magistris, come quelle di qualsiasi tifoso partenopeo, e di calcio in generale è che con la restaurazione di questa estate, allo storico Stadio San Paolo smettano di esserci questi atti vandalici. Atti che negli ultimi anni hanno portato alla semidevastazione dello stadio andando a toccare gli impianti elettrici, gli spogliatoi, i seggiolini, ed i bagni, i più colpiti. Sostenere la squadra sì, ma sostenere la città prima di tutto.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più