Il tecnico dei bianchi Bucaro:” Siamo crollati psicologicamente”. Sanseverino:” Dedico il goal alla mia ragazza ed alla mia famiglia”

Giovanni Bucaro

Il primo a concedersi ai microfoni della stampa in rappresentanza dei bianchi, e’ il tecnico dei bianchi Giovanni Bucaro, il quale nonostante la prova non proprio brillante dei suoi ragazzi, vede il bicchiere mezzo pieno:” Di questa prestazione, salvo solo i primi 30-35 minuti. Subito dopo il goal di Sanseverino la squadra era ancora viva e ha continuato a creare occasioni, poi dopo il goal subito nel secondo tempo, abbiamo accusato un crollo psicologico che ci ha resi incapaci di reagire, nonostante l’uomo in piu’”. Il tecnico ex Avellino e Sorrento, indica dunque la strada che dovra’ essere seguita in futuro per evitare di incappare negli errori di oggi:” Bisognera’ lavorare tanto per evitare che “sbalzi di umore” come quelli capitati a noi quest’oggi, possano accadere di nuovo. Dobbiamo imparare a gestire la partita e ad evitare cali di concentrazione”. Se arrivera’ qualche nuovo giocatore da questi ultimi giorni di mercato? L’allenatore siciliano preferisce glissare sull’argomento: “Anche se dovessero arrivare uno o due calciatori, poco importa. La nostra e’ una rosa gia’ ampia e dobbiamo piuttosto profondere ogni energia durante gli allenamenti settimanali”.

Poche parole anche per l’autore del goal, il centrocampista ex Palermo Giulio Sanseverino, quest’oggi impiegato da interno di centrocampo, nonostante sia originariamente nato come esterno d’attacco:” Si quella era la mia posizione originaria, conferma il numero sette oplontino. Nel corso degli ultimi anni, ho provato anche a giocare in questo nuovo ruolo in cui devo ammettere di trovarmi piu’ a mio agio”. L’agile centrocampista oplontino, si allinea a quanto affermato dal suo tecnico, confermando che la tesi secondo cui il Savoia subito dopo aver subito il pareggio, e’ crollato da un punto di vista psicologico:” Il nostro e’ stato un calo mentale e non fisico visto che la squadra ha corso sino alla fine. Credo che cio’ sia dovuto al fatto che siamo una squadra giovane e nel prossimo futuro dovremo lavorare sodo in allenamento per correggere questo difetto”. Infine, una dedica speciale per il primo goal in maglia bianca:” Dedico questa rete alla mia ragazza e alla mia famiglia che mi hanno sempre sostenuto anche nei momenti difficili della mia carriera”.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più