Impresa del Savoia: fermato il Lecce

Savoia - Lecce

A.c Savoia 1908 – U.s Lecce: 0- 0

A.c Savoia1908(3-5-2)Santurro7;Laezza s.v(10’Checcucci 4,5),Sabatino,Rinaldi 6,DiNunzio 6,5;Malaccari, 5,5Calzi,Gallo 6(78’ Cremaschi s.v),Sabatino;5,5DiPiazza 5,5(65’ Cipriani 5), Scarpa 6,5. A disp: Gragnaniello, Sevieri, D’ Apollonia, Del Sorbo.All. Bucaro

U.s Lecce 1908 (4-4-2) Caglioni 6, Martinez 6,5, Sacilotto 6,5, Abruzzese s.v(18’ Carini 6), Lopez; 6,5 Mannini 6, Papini 5,5, Salvi 4,5, Carrozza 6(58’ Gomes6), Della Rocca 5,5, Miccoli 5,5(53’ Moscardelli 6). A disp: Chironi, Donida, Rosafio, Rullo. All. Chini (squalificato Lerda)

Arbirtro: Niccolo’ Pagliardini di Arezzo

Assistenti: Luca Colatriano di Pescara e Alessio Giacomozzi di Fermo

Ammoniti: Papini, Checcucci, Salvi

Espulso: Salvi (per doppia ammonizioni), Checcucci (per somma di ammonizioni)

Note: Falli: Savoia 12, Lecce 4. Angoli: Savoai 1, Lecce 4. Fuorigioco: Savoia: 3, Lecce 1. spettatori paganti 2.450 per un incasso di 21.200 euro

 

Torre Annunziata
Si conclude senza vincitori ne’ vinti, il match serale valido per la quinta giornata di Lega – Pro tra Savoia e Lecce. Un pari senza reti sostanzialmente giusto per quello che si e’ visto in campo e che conferma il buon momento degli oplontini, in attesa di conferme dopo il blitz esterno di Aversa. Brusca frenata invece per i salentini, con la vetta che si allontana gia’ di cinque punti. I ragazzi del tecnico Lerda pagano forse un atteggiamento troppo spocchioso, una eccessiva sicurezza nei propri mezzi che guarda caso, non gli ha consentito di fare punti contro tre delle neo-promosse dalla serie D.

 

Le scelte
L’allenatore dei bianchi Bucaro conferma lo stesso modulo che ha dato i frutti sperati ad Aversa ovvero un piu’ equilibrato 3-5-2 con due soli interpreti diversi: l’ariete Cipriani, sostituito dall’ ex Pro Vercelli Di Piazza e Sanseverino il quale ritorna a giocare dall’inizio a discapito del fluidificante Cremaschi che si accomoda questa volta in panchina. Sull’ altra sponda il tecnico dei salentini Lerda, deve rinunciare all’ esterno destro franco-senegalese Doumbia, costretto ad accomodarsi in tribuna per alcuni acciacchi fisici; lo sostituisce l’ex Napoli e Sampdoria Mannini. Per il resto la formazione e’ identica a quella che ha battutto alcuni giorni fa la Reggina, con il capitano Miccoli e l’ex Bologna Della Rocca a dirigere l’attacco.

 

La Partita
Le disposizioni tattiche delle due squadre sono molto accorte. Entrambi gli allenatori ci tengono a dare continuita’ ai risultati positivi conseguiti nei precedenti match. Ne consegue una prima mezz’ora piuttosto soporifera e priva di reali occasioni da rete. I padroni di casa sembrano piu’ intraprendenti e pimpanti anche se non riescono mai a crerare seri pericoli alla porta difesa da Caglioni. Stesso discorso vale per i giallorossi . Il ritmo imposto alla gara da Miccoli e company e’ lento e compassato, tipico di chi e’ sicuro che basta pigiare il piede sull’acceleratore per decidere in qualsiasi momento la contesa. I primi strali verso la porta di Santurro, arrivano in effetti puntuali al 33’ ed al 36’. A mettere paura al “Giraud” ci pensa prima Carrozza il quale si inserisce sul secondo palo sfruttando un traversone dalla destra di Mannini ma trova la portentosa quanto miracolosa opposizione dell’estremo difensore torrese e poi Della Rocca, la cui girata dal limite dell’area viene respinta in angolo da un ancora reattivo Santurro. Il risveglio improvviso dei pugliesi, intimidisce il Savoia che arretra un po’ il baricentro, cedendo cosi’ agli avversari il pallino del gioco. Eppure basta poco per infiammare la torcida oplontina: poco prima di andare a riposo splendida verticalizzazione in area di Scarpa a pescare l’inserimento di Sabatino il quale tutto solo davanti a Caglioni, perde l’equilibrio calciando incredibilmente a lato. Il secondo tempo inizia subito con un brivido per i bianco scudati. L’ex stopper del Modena Carini, subentrato nella prima frazione all’infortunato Abruzzese si esibisce in un gran tiro a giro degno di un attaccante che chiama l’ottimo Santurro ad un grande volo plastico. Al 56’ episodio che potrebbe cambiare volto alla gara. In appena due minuti, Papini commette una doppia ingenuita’ rimediando due evitabilissimi cartellini gialli che costringono Lerda a ridisegnare la formazione. Fuori l’esterno sinistro Carrozza, dentro il mediano brasiliano Gomes e modulo che si trasforma in un inusuale 4-3-1-1 con il neo entrato Moscardelli a supporto dell’ unica punta Della Rocca. Tale episodio infonde coraggio ai padroni di casa che spinti dal proprio pubblico provano a scardinare l’ermetica difesa leccese. L’occasione per passare in vantaggio capita al 70’ sui piedi di Cipriani che imbeccato da un fantastico passaggio in profondita’ di Scarpa (uno dei migliori in campo), si presenta a pochi metri da Caglioni ma spara incredibilmente sulla rete divisoria collocata alle spalle della porta. Al 78’, pero’ ci pensa Checcucci a ristablire la parita’ numerica in campo. Brutto fallo su Papini e secondo, inevitabile giallo che costringe anche Bucaro a rivedere il suo scacchiere. Dentro subito Cremaschi per l’esausto Gallo e consequenziale passaggio ad un 4-3-2. A questo punto subentra la stanchezza in entrambe le squadre; il motore della partita diminuisce di numerosi giri e gli errori in fase di impostazione aumentano. Gli ultimi brividi li regalano Mannini che trova in se’ le residue energie necessarie per involarsi sulla fascia e mettere al centro un pallone baso che per fortuna del Savoia non incontra nessuna maglia giallorossa e poi Papini il cui tiro velenosissimo, costringe il migliore in campo in assoluto Santurro, ad allungarsi in angolo. Sono gli ultimi sussulti di una gara scialba, giocata a bassa intensita’ ed in cui e’ prevalsa i da ambo le parti la paura di osare. Risultato nel complesso giusto e che va piu’ bene ai biancoscudati che conquistano un punto preziosissimo in ottica salvezza contro l’ambizioso Lecce. Passo indietro invece per i salentini soprattutto sul piano del gioco e su questo mister Lerda dovra’ lavorare molto durante la prossima settimana.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più