Herculaneum: il successo sfuma sul gong

 

Gladiator-Herculaneum

Al “Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere, su un campo reso impraticabile dalle intemperie, alla fine sono le polemiche a farla da padrone.

Beffa finale, infatti, per l’Herculaneum; all’ultimo respiro il Gladiator strappa un punto d’oro. Due punti persi invece per i granata di Ulivi che si sono visti “scippare” una vittoria per colpa di un calcio di rigore fischiato al minuto 93 dall’arbitro Epifanio Nunziata, quantomeno discutibile. Sebbene il pareggio sia tutto sommato giusto per quanto visto in campo, c’è molta amarezza in casa Herculaneum, che si mescola con la rabbia di due punti persi per un errore arbitrale arrivato un attimo prima del triplice fischio. I granata erano passati in vantaggio al 12′ grazie alla testa di Imparato, a pareggiare è stato Pagano.

GLI SCHIERAMENTI – 4-4-1-1 per mister Carannante che in attacco schiera Asile alle spalle di Chietti. Solito 4-3-3 per Ulivi che deve rinunciare allo squalificato De Fenza. Giocano da destra verso sinistra Cefariello, Cipolletta, Salvati e Incarnato davanti al portiere Capece, Pallonetto, Orefice e Basso a centrocampo, Caso Naturale, Imparato e Pianese in attacco.

SI INIZIA CON 20′ DI RITARDO – Il match inizia con ben venti minuti di ritardo per un errore arbitrale nei confronti del calciatore Basso. Il campo è in pessime condizioni viste le copiose piogge ed è difficile giocare su un terreno così pesante. Nei primi dieci minuti c’è equilibrio, all’undicesimo Imparato si rende pericoloso su un bel passaggio filtrante di Caso Naturale; un minuto dopo lo stesso numero 9 porta in vantaggio i granata grazie a un colpo di testa su uno splendido assist di Pianese. I granata tengono bene il campo e si fanno rivedere dalle parti di Alcolino con Pallonetto e Salvati, che impegnano il portiere locale al 17′ ed al 31′. Carannante rimescola le carte inserendo Carnevale per Dorano al minuto 41, gli effetti si vedono e i nerazzurri si fanno vedere nel finale della prima frazione con Giordano e Celestino, ma senza fortuna. Il primo tempo termina sullo 0-1.

RIPRESA, PAGANO AL FOTOFINISH – Nella seconda frazione partono bene i locali, che vanno vicinissimi al pareggio al 49′ con una rovesciata di Asile, salvata sulla linea dalla testa di Pallonetto. Carannante inserisce Giordano e Maioriello, in campo si lotta nel pantano e lo spettacolo latita, Ulivi pensa a coprirsi e manda in campo Falanga e Alberto. Il Gladiator si avvicina alla porta di Capece, ma senza impensierire troppo l’estremo difensore, la beffa arriva nel finale quando l’arbitro Nunziata, dopo una punizione gestita male da Basso e compagni valuta da rigore il contatto tra Cipolletta e Pirozzi e fischia l’estrema punizione. Dal dischetto Pagano non perdona e il match termina 1-1.

Fonte: Ufficio Stampa A. V. Herculaneum, Dario Gambardella

Potrebbe anche interessarti