Casagiove, Santonastaso: “Puteolana gara della vita”

Francesco Santonastaso

L’Hermes Casagiove ha raccolto un punto prezioso nel delicato scontro salvezza, disputato sabato scorso al “Patalano” di Lacco Ameno. Nel catino del Real Forio, i giallorossi della famiglia Corsale hanno resistito alla fame di rivalsa dei padroni di casa, proteggendo con le armi e con i denti un risultato che da nuove speranze in ottica salvezza. E’ dello stesso avviso il vice allenatore giallorosso Francesco Santonastaso, figlio del tecnico Domenico, che afferma: “Il punto è preziosissimo. In trasferta non è che abbiamo raccolto tantissimo, poi averlo ottenuto in casa di una nostra concorrente alla salvezza, ha una grande importanza. In un certo senso bilancia quanto successo all’andata, quando l’Hermes fu acciuffata all’88’ dopo aver assaporato i tre punti. Il pareggio fa morale, poiché ci da la possibilità di affrontare il prossimo big match salvezza con uno spirito diverso rispetto a se avessimo subito un’altra sconfitta in trasferta, per di più con una concorrente alla salvezza”.

Le assenze del capitano Russo e di Mingione hanno pesato sul rendimento generale della squadra, ma comunque tutti coloro che sono scesi in campo hanno dato dimostrazione di non arrendersi mai: “Il Real Forio in casa è una delle squadre più toste del girone. Carichi emotivamente, spinti dal pubblico amico, hanno insistito per vincere e noi negli ultimi minuti ci siamo abbassati per prenderci almeno un punto. Nella prima mezz’ora equilibrata, invece, credo che abbiamo avuto anche delle occasioni per vincerla e di sbloccarla”.

Da un duello all’altro, sabato l’Hermes ospiterà la Puteolana 1909 in una partita che secondo Santonastaso è di assoluto valore: “Noi dobbiamo raccogliere i tre puti se abbiamo intenzione di salvarci. Apre una serie di partite importantissime nel girone di ritorno. In casa gli scontri diretti vanno vinti. Per noi è una finale, anzi più di una finale, poiché ci può servire per staccarli”. Qualora dovesse sostituirsi al tecnico nel discorso finale prima dell’inizio della partita, ecco come caricherebbe il gruppo casagiovese: “Affrontare la partita buttandosi alla morta su ogni pallone, nel senso che ogni pallone deve essere giocato come se fosse l’ultimo. Dobbiamo infonderci una carica tutti quanti, poiché una partita fondamentale”.

Calciatore fino a qualche anno fa con diverse presenze in Promozione e Prima Categoria, Francesco Santonastaso ha intrapreso la carriera tecnica e spera nei prossimi anni di conquistare il patentino di allenatore UEFA B. Nonostante gli studi alla facoltà di ingegneria informatica lo tengano particolarmente impegnato per l’avvicinarsi della tanto sognata laurea, egli porta avanti con passione l’avventura a Casagiove e su un punto non ha dubbi: “Io credo nella salvezza, che consista sia nel giocarci un play-out in casa che salvarci. Guardando il calendario e la nostra squadra, non siamo inferiori a tre, quattro squadre. Sono dell’opinione che possiamo arrivare fino all’ultimo sestultimi o quintultimi, in maniera tale da salvarci direttamente o giocarci un play-out in casa”.

Fonte: Ufficio Stampa F. C. Hermes Casagiove, Domenico Vastante

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più