Turris-Sessana, l’ora Della verità

Turris-sessana

Il tempo passa, inesorabile. Eppure a volte, in qualche angolo di mondo disteso sopra un prato, rallenta –  fino quasi a fermarsi – per regalare un’emozione indescrivibile. Prossima tappa stadio “Amerigo Liguori” di Torre del Greco, domenica ore 15:00, l’ora della verità. Quella che non dura mai 60′ esatti, perché la verità è sempre un discorso molto lungo. A Turris e Sessana la parola, più 90′ per convincere i rivali e tutti gli altri che le più forti sono loro.

Tra le tesi a favore della capolista corallina 50 reti all’attivo e sole 11 al passivo, contro – rispettivamente, le 36 e le 13 dei casertani. Totale, differenza reti +39 per i corallini, +23 per i gialloblù. Quasi un abisso quello tra la prima e la seconda in classifica, a guardare i tabellini. Ma dalla prospettiva Sessana si guarda soprattutto alla classifica generale, che poi è quella che conta davvero. Tutt’altra storia in questo caso, perché è vero che Camorani e compagni sono gli inseguitori, ma gli inseguiti sono soltanto un punto avanti.

Insomma, se i numeri dicono la verità, domenica non si sfideranno semplicemente due squadre, ma anche due vere e proprie filosofie. Molto più votata all’attacco la formazione di mister Santosuosso, con un gioco basato sui fraseggi nello stretto e sulle verticalizzazioni improvvise; più sorniona, invece, la compagine al comando di mister Ricciardi, che – come avvenuto in occasione dell’1-0 dell’andata – cerca spesso di far sfogare l’avversario per poi colpirlo al momento giusto con le zampate di due veri professionisti del gol, quali Dino Fava e Palumbo.

Anche da questo punto di vista, però, la Turris non è affatto da meno, anzi può addirittura rincarare la dose. Se, infatti l’ex Udinese ed il suo compagno d’attacco hanno messo a segno sin qui 21 centri totali, ben 31 sono state le marcature siglate dalla premiata ditta Majella-Grezio, che di fatti guidano la classifica marcatori del girone A di Eccellenza rispettivamente con 16 e 15 gol.

Le premesse per assistere ad una sfida di categoria nettamente superiore, dunque, ci sono tutte, compresa la cornice, con un “Liguori” pronto a vestire l’abito delle grandi occasioni. Già venduti, in prevendita, più di 600 tagliandi, ma non c’è praticamente alcun dubbio che lo stadio domenica sarà esaurito in ogni ordine di posto. Anche perché in settimana i gruppi organizzati corallini hanno invitato i loro concittadini a fungere da dodicesimo uomo in campo e hanno peraltro annunciato una coreografia da brividi.

Tutto pronto, dunque, per la sfida che probabilmente deciderà il primo posto del torneo. Solo il tempo potrà dire chi, tra Turris e Sessana merita di fare il salto di categoria. E’ per questo che attendono tutti l’ora della verità.

Potrebbe anche interessarti