Video. Nuova aggressione ad autista Anm: “Sono ancora agitato. Non si può lavorare così”

aggressione anm

Continuano gli episodi di violenza in cui le vittime delle aggressioni sono i conducenti degli autobus Anm. L’ultimo è avvenuto sulla linea C18 nel tratto di via Tertulliano a Soccavo quando un uomo ha cercato di fermare l’autobus con il proprio corpo impedendo al conducente di proseguire il suo percorso.

Proprio come quanto accaduto pochi giorni fa in Via Marina, l’uomo avrebbe chiesto di salire a bordo del mezzo nonostante in quel punto non fosse prevista alcuna fermata. Secondo quanto comunicato da Il Mattino, dopo il diniego del conducente l’uomo in questione avrebbe dato il via all’aggressione sia verbale che fisica. Quest’ultimo sarebbe poi salito sull’autobus continuando ad aggredire il conducente creando il panico tra i passeggeri.

L’autista, dopo che il malvivente è scappato via, avrebbe condotto il bus al capolinea per poi chiamare la Polizia che si è precipitata sul posto per tracciare un identikit dell’aggressore. Per fortuna il mezzo è fornito di una telecamera interna che potrebbe essere utile alle indagini.

E’ l’ennesima aggressione che subiamo su questo percorso e in particolare in via Tertulliano dove l’altro ieri una mia collega ha dovuto subire la stessa sorte. Non ce la facciamo più – dichiara l’autista aggredito – chiediamo di essere tutelati perché le nostre giornate di lavoro non diventino giornate di guerriglia urbana. Anche lo stato di agitazione in cui mi trovo, in questo momento, dimostra che non è più possibile continuare a lavorare in queste condizioni“.

Ecco il video pubblicato dal Mattino:

Potrebbe anche interessarti