Incidenti in mare. Le disposizioni della Guardia Costiera: “Non guidare come in auto”

guardia-costiera

Secondo i primi dati riguardanti le vacanze di ferragosto, il golfo di Napoli sarà tra i più affollati, tantissime saranno le persone che faranno la loro vacanza in barca, cosa che naturalmente può portare a piccoli incidenti in mare. La collisione in mare non è così frequente, almeno non lo è in altre zone, infatti i golfi di Napoli e Salerno sono molto trafficati cosa che può portare a diverse collisioni, tanto da portare la Capitaneria di Porto a lanciare un avviso ai naviganti non guidare come in auto e rispettate le regole del mare. Si conta che da fine giugno a oggi 410 sono stati gli incidenti o comunque i soccorsi prestati dalla Guardia Costiera della Campania, circa cento in più dello scorso anno, anche se la stagione passata era iniziata un mese dopo visto che luglio era stato molto piovoso.

Ma ciò a cui dobbiamo porre attenzione è che gli incidenti in mare accadono ed è bene prevenirli, secondo i dati dell’operazione “Mare Sicuro” 2015 non sono tantissimi le infrazioni gravi o penali svolte nel mare della Campania, addirittura sarebbero aumentate  del 25%, ma le tragedie accadono, come quella di ieri in cui motoscafo in piena velocità nelle acque fuori Salerno ha travolto una barchetta di pescatori, uccidendone uno e ferendo gravemente l’altro.

Ad oggi in giro per i golfi di Napoli e Salerno ci sarebbero 15 mila imbarcazioni da diporto,  a questi si devono aggiungere cento approdi giornalieri di traghetti, aliscafi e navi veloci, che nei prossimi giorni aumenteranno ancora e che costringeranno tantissimi ufficiali e operatori della Croce Rossa a restare sul campo. Visti questi incidenti in mare, per quanto non frequentissimi, e vista l’affluenza che ci si aspetta, è necessario prendere precauzioni e il consiglio del Guardia Costiera è non guidare come si fa in auto, ad esempio il sorpasso in sicurezza, in autostrada, si può fare a un metro e mezzo di distanza, spazio che in mare non è davvero nulla e fa si che si rischi una collisione. Bisogna tenere sotto controllo gli incroci, la velocità e naturalmente seguire tutte le regole della sicurezza in mare.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più