Afragola, biglietto e fiori per il morto carbonizzato all’Ipercoop. Ecco chi era

Ipercoop

Risale alle ore 21.30 della scorsa notte, quella di mercoledì 9 settembre, l’esplosione di un’auto, avvolta dalle fiamme, nel parcheggio del centro commerciale Le Porte di Napoli, al confine fra le città di Afragola ed Acerra. In un punto isolato del parcheggio, dopo un boato assordante, l’auto ha preso fuoco, carbonizzando al proprio interno un uomo, A.L. di 30 anni, a cui i soccorsi, seppur tempestivi, non hanno potuto salvare la vita.

Il sedile dove l’uomo sedeva, quello dell’autista, era reclinato all’indietro e all’interno dell’automobile si trovava una bombola di gas, causa scatenante dell’esplosione. Il caso, su cui indaga la polizia, lascia principalmente spazio all’ipotesi di suicidio, a causa delle condizioni in cui l’incendio è avvenuto e alla situazione lavorativa dell’uomo, residente a Napoli e più volte licenziato e poi riassunto dalla ditta per cui lavorava. Nessuna pista viene ignorata, tuttavia, nell’attesa di più precise informazioni che potrebbero ottenersi dai referti dei nuclei, intervenuti sulla scena dell’incidente.

Ipercoop2

L’uomo lascia una moglie e una figlia di 8 mesi, prossima al battesimo. Stando alle testimonianze raccolte, non aveva mai espresso volontà suicide, né era apparso negli ultimi tempi tormentato da qualsiasi tipo di condizione che abbia potuto portarlo a tale gesto, qualora venisse avvalorato dagli inquirenti che di suicidio si tratti.

Nel punto del parcheggio dove l’auto carbonizzata ha lasciato una terribile macchia nera, qualcuno ha lasciato dei fiori e un biglietto di addio struggente. Qualche curioso chiede di ciò che è successo e molti si guardano intorno spiazzati. Il centro commerciale è luogo di svago, per la gente del posto, e un evento del genere sembra aver turbato pesantemente chi passa di lì. Tuttavia, c’è molto rispetto nei confronti di quelli che sono ormai i resti delle fiamme che hanno divorato A.L. Si attendono, nei prossimi giorni, ragguagli più precisi da parte del nucleo di polizia di Afragola, che possano chiarire definitivamente se si è trattato di suicidio o incidente.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più