Novità per il porto di Napoli, de Magistris: “Noi armamenti nucleari non ne vogliamo”

Port di Napoli

A pochi giorni dalla grande esercitazione militare “Trident Juncture 2015”, che si terrà a Napoli presso la nuova base Nato di Lago Patria fino al 6 novembre, la Giunta Comunale ha approvato una delibera del Sindaco Luigi de Magistris e dell’Assessore alla Protezione Civile Ciro Borriello con la quale si dichiara ufficialmente il Porto di Napoli area denuclearizzata.

E’ proprio nel porto partenopeo che sempre più spesso sostano o transitano mezzi navali a propulsione nucleare o con armamenti nucleari a bordo che in caso di incidente potrebbero dare vita ad effetti devastanti per la città e i suoi cittadini: “La delibera – ha spiegato de Magistris – ha un valore altamente simbolico e politico, ma anche di difesa del nostro territorio e della salute dei cittadini. Napoli sarà sempre in prima linea nella costruzione di un’alternativa alle politiche di guerra, nonostante l’Italia sia il primo produttore in Europa di armi. Noi armamenti nucleari nel nostro Porto non ne vogliamo”.

Ad accogliere la notizia con entusiasmo sono stati anche Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza i quali hanno però dichiarato: “E’ una splendida notizia dal valore fortemente simbolico. Però sarebbe molto più importante impegnarsi nell’elettrificazione del Porto di Napoli per evitare l’inquinamento record che le navi producono ogni giorno e che sono la prima fonte di smog in città”.

Potrebbe anche interessarti