Gigi D’Alessio: “Adesso basta! Sono irritato, il mio nome associato agli arresti”

Gigi D'Alessio

Capisco che la notorietà è una condizione difficile ma comincio a credere che nel mio caso si tratti di un genere letterario. Non c’è giorno che non debba leggere cose mi riguardano e che mi lasciano basito. Quella di oggi è solo l’ultima. Vedere il mio nome associato a una operazione antimafia mi produce sbalordimento e irritazione assoluta“. Così Gigi D’Alessio si sfoga sulla sua pagina Facebook e commenta la notizia secondo la quale uno dei tre agenti in servizio al commissariato di Marcianise e arrestati oggi avrebbe utilizzato un’auto di servizio per accompagnare il noto cantante, estraneo all’inchiesta, a Napoli per la presentazione del suo album. Il reato contestato, per questo fatto, è di peculato.

Inoltre lo stesso poliziotto sarebbe anche andato a New York in occasione di un concerto del noto cantante partenopeo. Ma D’Alessio si dichiara stufo e sconcertato nel vedere spesso il suo nome legato ad eventi spiacevoli. “Nel mio caso -aggiunge D’Alessio- non viene mai rispettato non dico la privacy, di cui pare non abbia diritto, ma neanche un criterio di opportunità che cade davanti all’esigenza di fare un titolo di giornale. Vengo prelevato dalla polizia o dai carabinieri e talvolta dai vigili urbani ogni qual volta faccio un concerto o partecipo ad un evento per ragioni di ordine pubblico. Non sono io che scelgo chi mi viene a fare la staffetta o quale corpo si occupa dei miei spostamenti, mi attengo a disposizioni che mi vengono date“.

Poi se un mio fan, come del resto succede per altre migliaia, decide di prendere un aereo per seguire un mio concerto a New York, cosa certamente non inusuale, e che questo sia un poliziotto o un ingegnere non è certamente una variabile di cui mi occupo anche se questo pare sia sufficiente per vedere il mio nome infilato in una storia di cui ovviante non so nulla“, conclude l’artista.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più