Napoli capitale del tatuaggio: ecco cosa tatuano i napoletani

tatuaggio

Ogni tatuaggio nasconde infiniti messaggi, rende eterne le esperienze, racconta della persona e a volte anche del luogo in cui è nato o cresciuto. E’ a Napoli che si sente il maggior bisogno di macchiare la pelle con dell’inchiostro e a darne conferma sono stati il giornalista americano Rocky Casale e il fotografo Giuseppe Di Vaio. Entrambi hanno girato ogni angolo della città alla ricerca di tatuaggi, simboli o messaggi, per dare vita ad una ricerca intitolata “Napoli Ink Project”.

Centinaia di foto scattate in ogni dove raccontano di una società sempre più legata ai loro affetti e alla loro tradizione: “Finora abbiamo fotografato più di duecento persone, uomini e donne di ogni età ed estrazione sociale – si legge su Repubblica.it Abbiamo incontrato padri che hanno il nome del figlio scritto su un braccio, donne che si imprimono poesie, nostalgici innamorati di Maradona, di Sofia Loren e di Totò”.

Assi di bastone, coltelli, revolver, ma anche rosari, Madonne, Santi, scritte, draghi, talismani e cuori. Le icone dei tatuaggi dei napoletani spaziano tra il sacro e il profano, dalla tradizione alla scaramanzia, dai simboli appartenenti alla malavita al Calcio Napoli, che diventa una vera e propria devozione fatta con colori della squadra o con dichiarazioni di fede eterna. A diventare tatuaggio è la stessa “napoletanità” dei napoletani, che sembrerebbero aver sempre più voglia di tatuare sul corpo il loro mondo, il loro essere, le loro origini.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più