Video. Accuse a Luca Abete: “Tu sei come Saviano, butti fango su Napoli”

luca abete montesanto

In molte stazioni d’Italia i viaggiatori fanno di tutto pur di non pagare il biglietto. Tra queste, è stata segnalata anche quella della cumana di Montesanto a Napoli, dove Luca Abete si è diretto per un suo servizio andato in onda durante il programma televisivo Striscia la Notizia.

Nella stazione napoletana impazza la moda “del trenino”, ovvero di diverse persone che si accodano all’unico viaggiatore che marca il biglietto. Pazienza e velocità sono le parole d’ordine di tutti coloro che cercano di oltrepassare gli obliteratori senza essere muniti di un titolo da viaggio. Qualche mese fa, invece, sempre Striscia la Notizia ha mandato in onda un servizio girato nelle metropolitane di Napoli, Milano e Roma, dove sottolineava che nel capoluogo partenopeo nessuno faceva “il trenino”, mentre nelle altre due città era abbastanza comune.

Un servizio che, come tanti altri, ha però infastidito qualcuno. Poco dopo che Luca Abete si è avvicinato ai “trenini umani”, un uomo lo ha incolpato di infangare spesso il nome di Napoli: “Con i tuoi servizi dovresti fare qualcosa di costruttivo. Tu sei come Saviano, butti fango su questa città. Te ne devi andare. Tu rovini l’Italia, non sei dalla parte del popolo”. In merito a Saviano, l’uomo citava la condanna per plagio a carico dello scrittore.

Affermazioni che hanno trovato l’appoggio di alcuni tra i presenti, alle quali Abete ha così risposto: “Ci sono quelli che continuano a chiedere omertà e a nascondere dietro alla vecchia storiella che chi parla dei problemi di Napoli ne rovina l’immagine quel vergognoso modo di pensare che umilia la città e i suoi abitanti!”

Per guardare il servizio in questione cliccare qui.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più