Mappa dell’inquinamento: ecco le regioni più inquinate d’Italia

inquinamento
Nasa/Goddard Space Flight Center

Negli ultimi anni non si è fatto che parlare dell’impressionante tasso di inquinamento raggiunto a Napoli e in Campania: sversamenti illegali, roghi tossici e rifiuti radioattivi sono stati per mesi protagonisti del web a denuncia di una realtà scomoda seppur, in alcuni casi, funzionale ad una logica sottile e pericolosa che fa e ha sempre fatto, di Napoli e del Sud in generale, una sorta di scatola nera in cui far confluire il male della Nazione.

Una triste pagina per la regione Campania, trasformatasi in breve tempo da Campania Felix, rigogliosa e florida, in Terra dei Fuochi, dove si muore per tumori e leucemie nell’indifferenza delle autorità competenti. Abbiamo avvelenato la nostra terra, i nostri vigneti, le nostre colture eppure, come rivelato dalle foto scattate nello spazio dalla Nasa/Goddard Space Flight Center, le zone con il maggior tasso di inquinamento non sono al Sud.

Stando a quanto palesato dalla mappa, la più alta concentrazione di smog e inquinamento si riscontrerebbe in realtà nell’intera area padana. I dati raccolti dall’Ozone Monitoring Instrument a bordo del satellite Aura hanno preso in esame oltre 195 regioni in tutto il mondo al fine di determinare una mappa che mettesse in luce le tendenze dell’inquinamento del diossido di azoto (NO2) responsabile del famoso “buco nell’ozono”. Le aree di colore rosso rappresentano le zone considerate maggiormente a rischio per lo sviluppo di malattie respiratorie e legate all’apparato polmonare.

Potrebbe anche interessarti