Muore Gianluca Danise, l’eroe napoletano di Nasiriya

gianluca denise

Si è spento l’eroe napoletano che, nel lontano 2003, ricompose i corpi delle vittime dell’atroce attentato di Nasiriya dove persero la vita 28 persone tra soldati e civili. A soli 43 si è spento in un ospedale di Verona il maresciallo dell’Aeronautica Militare Gianluca Danise, esempio di coraggio e determinazione. 

Ad ammazzarlo lentamente, un cancro probabilmente causato dall’esposizione all’uranio impoverito, responsabile in passato di numerose morti: ne è certo Domenico Leggiero, dell’Osservatorio Militare intento a difendere la memoria delle 321 vittime dell’uranio impoverito utilizzato in guerra come arma non convenzionale ed oggi causa di malattie incurabili.

 Gianluca Danise, originario di Napoli, ha lasciato una moglie e una bambina di solo un anno. Per i funerali, come richiesto dal maresciallo in persona, sarà avvolto in divisa nella bandiera italiana nel feretro, come da suo desiderio.

Gianluca – ha raccontato Leggiero – non ha mai smesso di credere nei valori di un soldato pur capendo che non sono gli stessi dei generali che avrebbero dovuto tutelarlo

 

Potrebbe anche interessarti