Muore Gianluca Danise, l’eroe napoletano di Nasiriya

gianluca denise

Si è spento l’eroe napoletano che, nel lontano 2003, ricompose i corpi delle vittime dell’atroce attentato di Nasiriya dove persero la vita 28 persone tra soldati e civili. A soli 43 si è spento in un ospedale di Verona il maresciallo dell’Aeronautica Militare Gianluca Danise, esempio di coraggio e determinazione. 

Ad ammazzarlo lentamente, un cancro probabilmente causato dall’esposizione all’uranio impoverito, responsabile in passato di numerose morti: ne è certo Domenico Leggiero, dell’Osservatorio Militare intento a difendere la memoria delle 321 vittime dell’uranio impoverito utilizzato in guerra come arma non convenzionale ed oggi causa di malattie incurabili.

 Gianluca Danise, originario di Napoli, ha lasciato una moglie e una bambina di solo un anno. Per i funerali, come richiesto dal maresciallo in persona, sarà avvolto in divisa nella bandiera italiana nel feretro, come da suo desiderio.

Gianluca – ha raccontato Leggiero – non ha mai smesso di credere nei valori di un soldato pur capendo che non sono gli stessi dei generali che avrebbero dovuto tutelarlo

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più