Record assoluto per i musei italiani: Campania in cima alla classifica

turismo napoli

Ottime notizie sul fronte turismo: durante il suo intervento in occasione del Collegio Romano del Comitato permanente del turismo, il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, ha presentato i dati relativi all’affluenza di visitatori nei musei italiani durante tutto il 2015: un anno ricco di successi e sorprese, secondo Franceschini, che ha definito l’anno appena trascorso “l’anno dei musei italiani” . Un successo strepitoso che vanta la presenza di circa 43 milioni di presenze per un incasso di circa 155 milioni di euro che torneranno interamente ai musei, attraverso un sistema premiale che favorisce le migliori gestioni e garantisce le piccole realtà.

Stando alle parole del ministro, risultati simili non venivano raggiunti da anni, conquistando così un record assoluto per i musei italiani! Come ricordato dal ministro, anche nel 2014 i risultati erano stati parecchio incoraggianti visto il raggiungimento di numeri molto positivi ma, il 2015, ha visto una “crescita dei visitatori e degli incassi del +6% i visitatori (pari a circa +2,5 milioni); +14% gli incassi (pari a circa +20 milioni di euro); +4% gli ingressi gratuiti (pari a circa +900 mila)”.

A rendere lo scenario ancora più allettante, il fatto che l’Italia viaggi in assoluta controtendenza  rispetto all’orientamento internazionale che, a dispetto di quanto si possa pensare,  ha visto un notevole calo di affluenza in numerose città estere. “In Italia, grazie anche alle nuove politiche di valorizzazione, prime fra tutte le domeniche gratuite, gli italiani sono tornati a vivere i propri musei. Un riavvicinamento al patrimonio culturale – conclude Franceschini – che educa, arricchisce e rende consapevoli i cittadini della magnifica storia dei propri territori“.

Tra le regioni ad ottenere risultati migliori la Campania, che con i suoi  77 luoghi della cultura statali, ha raggiunto un  totale di 7.052.624 visitatori con un aumento del 7% rispetto al 2014 e un + 13% degli introiti per un risultato di +4.050.765 euro su un totale di 35.415.023 euro.

In testa alla classifica il sito archeologico di Pompei con 2.934.010 visitatori (+12%) e 23.634.990 euro di introiti (+12%), seguito dalla Reggia di Caserta che ha registrato 497.158 visitatori (+16%) e 2.739.600 euro di introiti ( + 20%). A seguire il Museo Archeologico di Napoli con 364.297 visitatori di visitatori ( +4%) e 1.458.00 euro di introiti (+9%);gli scavi archeologici di Ercolano con 352.365 visitatori e 2.218.429 euro di introiti (+19%). Il Museo Archeologico di Paestum ha registrato 300.347 visite (+7%) e 1.018.077 euro di introiti ( +17%).

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più