Tumori, c’è un alimento più pericoloso della carne…

zucchero bianco

Lo zucchero è cancerogeno almeno quanto la carne, è questo l’allarme lanciato dal nuovo studio dei ricercatori del Md Anderson Cancer Center, dell’Università del Texas. Uno studio che rivela quanto un consumo smodato di questo dolcissimo alimento possa provocare in misura maggiore alla media il proliferare di diversi tipi di tumori che interesserebbero in particolar modo le donne.

Nella fattispecie, secondo i ricercatori statunitensi, è soprattutto il fruttosio ad essere sotto la lente d’ingrandimento, in quanto la sua assunzione provocherebbe un processo metabolico denominato 12-Lox (12-Lipossigenasi): quest’ultimo sarebbe la causa della comparsa delle metastasi e del carcinoma mammario, uno dei tumori più diffuso.

Un allarme al quale prestare certamente grossa attenzione, visto che lo zucchero è presente in maniera quotidiana nella nostra alimentazione e, stando ai dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), anche in eccesso. Secondo la comunità scientifica infatti, lo zucchero andrebbe assunto in quantità pari al 5% (prima era tollerata anche una percentuale pari al 10%) del consumo energetico giornaliero.

Purtroppo però, l’Europa in generale e l’Italia in particolare dimostrano di non badare ai moniti provenienti dall’OMS, dato che tra i Paesi dell’Unione l’assunzione di zucchero oscilla da una percentuale dell’8% (in Ungheria e Norvegia) ad una del 18% (in Spagna e Inghilterra). Passando dalle percentuali a dei numeri concreti, in pratica un uomo adulto (il cui fabbisogno di calorie giornaliero è circa 2900 kcal) dovrebbe assumere un quantità di zucchero che non superi le 290 kcal, ovvero 72,5 grammi; una donna invece (il cui fabbisogno quotidiano di calorie  ammonta a 2200 kcal) dovrebbe assumere circa 220 kcal di zucchero al giorno, ovvero 55 grammi. Per un bambino, poi, i grammi consigliati sono pari a 40.

Tutt’altro regime alimentare, invece, quello seguito dagli occidentali. Basti pensare che in un succo di frutta vi sono 5 zollette di zucchero, in una sola barretta di cioccolato ve ne sono 6 e in una lattina di Coca-Cola addirittura 9. In pratica – stando a questo studio texano – questi alimenti sarebbero assolutamente da eliminare per non correre il rischio di incappare nei temutissimi tumori.

Un timore che l’Italia sembra non avere, almeno in base alle affermazioni provenienti dal nostro Ministero della Salute, che considera le misure imposte dall’OMS eccessivamente restrittive. A difesa della salute pubblica nostrana e del nostro stile alimentare è, infatti, scesa in primo piano lo stesso ministro Beatrice Lorenzin, la quale ha parlato di “un’aggressione alle nostre tradizioni dolciarie”.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più