EAV, tra polemiche e proteste. Ecco perché vengono soppresse le corse

treno-cumana-deraglia-torregaveta-660x375

La rabbia si fa sentire tra studenti e pendolari napoletani. Adesso, non solo critiche e lamentele verso la famigerata linea ferroviaria (Cumana e Circumflegrea) ma l’attenzione si sposta anche sul servizio su gomme dell’ EAV e il suo presidente, Umberto de Gregorio.

Ieri, nella giornata di Martedi 16 Febbraio 2016, dopo diverse corse soppresse ai treni c’è stato un disagio anche da parte degli autobus. La causa del subbuglio, per quanto riguarda i secondi, pare sia stata la mancata manutenzione dovuta a dei mancati finanziamenti all’azienda, di conseguenza anche gli autobus hanno mandato a monte gli impegni dei cittadini napoletani (qui l’avviso dell’Eav).

I problemi comunque non finiscono qui, questa mattina infatti, un convoglio della Cumana è stato protagonista di un altro disdicevole episodio: intorno alle 7:00 il treno in arrivo dal Fusaro è deragliato poco prima del capolinea di Torregaveta andando a schiantarsi contro un palo della rete elettrica. Non c’è stato nessun ferito grave, solo una ragazza che è stata portata subito all’ospedale di Pozzuoli Santa Maria delle Grazie. Attualmente la stazione di Torregaveta è fuori uso, per chi dovrà prendere la Cumana, almeno per qualche giorno dovrà usufruire del servizio navetta che da li si dirigerà a quella del Fusaro.

LEGGI ANCHE
EAV. Incendi Area Flegrea, interrotte Cumana e Circumflegrea. Bus sostitutivi

Ciò che è accaduto tra ieri ed oggi non poteva che suscitare polemiche e lamentele. I social network sono pieni di pagine che criticano il pericoloso servizio mentre studenti e pendolari manifestano il loro scontento anche sui prezzi dei diversi biglietti rapportati ai quotidiani disagi che si manifestano.

Su Televomero, il Presidente dell’ EAV, Umberto de Gregorio, ha ammesso: “Che la situazione è drammatica e le soluzioni non sono neanche immediate perchè c’è talmente tanto da lavorare che si potrà garantire un servizio del tutto efficiente solo fra tre anni”. 

Potrebbe anche interessarti