M’illumino di meno: anche Napoli spegne i suoi monumenti

m'illumino di meno

Il 19 febbraio 2016 ritorna “M’illumino di meno“, la più grande campagna radiofonica di sensibilizzazione sul risparmio energetico e mobilità sostenibile, ideata da Catepillar Radio2. L’iniziativa, giunta alla sua dodicesima edizione e avvalendosi dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, dell’alto patrocinio del Parlamento europeo, del patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, dell’adesione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, coinvolge migliaia di ascoltatori, centinaia di associazioni e molte istituzioni sia italiane che straniere. Insomma una grande festa dedicata ad un tema che, oggi più che mai, deve essere posto al centro della nostra vita quotidiana: il risparmio energetico.

Quest’anno l’invito è quello di basare la propria adesione sul tema della mobilità sostenibile, promuovendo l’uso della bicicletta e di tutti i mezzi di trasporto a basso impatto energetico e di rispetto dell’ambiente. Ma sicuramente la manifestazione simbolica di maggiore impatto sarà ancora una volta lo spegnimento di alcuni monumenti simbolo delle città aderenti all’iniziativa. Napoli, come l’anno scorso, parteciperà con lo spegnimento del Maschio Angioino, Castel dell’Ovo e alcune parti della sede del Comune, Palazzo San Giacomo.

Per avere maggiori informazioni sull’iniziativa visitare il sito www.catepillar.blog.rai.it o la pagina ufficiale facebook.

Potrebbe anche interessarti