Camorra, importavano droga dalla Turchia: 7 arresti

GUARDIA DI FINANZAI Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno dato il via, nelle prime ore di questa mattina, ad un’ordinanza di custodia cautelare per sette indagati, affiliati a clan della Camorra. Le indagini erano partite già nel 2012, quando la polizia turca aveva sequestrato 43 chili di eroina. La droga, sarebbe poi arrivata fino a Roma, e da lì spacciata nel resto d’Italia, per un giro di affari che avrebbe fatturato oltre 2 milioni di euro.

Quelli che sarebbero dovuti essere i destinatari di questo ingente quantitativo di eroina, secondo quanto riportato da IlMattino.it, apparterrebbero ad un clan di Secondigliano, attivo soprattutto nel Lazio. Un commercio internazionale di droga, potremmo dire. Perché la “merce” arrivava non solo dalla Turchia, ma anche da altri paesi: Spagna, Olanda e Venezuela. Per occultarla, la droga veniva nascosta in auto munite di doppiofondo. Alla fine di queste “tratte internazionali”, venivano riforniti gli spacciatori di Roma, Napoli e dell’Agro Pontino.

Potrebbe anche interessarti