Frosinone si prepara all’eruzione del Vesuvio mentre la Campania dorme

 

Tendopoli
Foto di Volontariato.lazio.it

Può sembra un paradosso ma invece non lo è per niente. Frosinone si prepara ad accogliere gli sfollati in caso di eruzione del Vesuvio e di altre calamità naturali. Proprio così. Mentre la Regione Campania e i comuni vesuviani dormono sonni tranquilli nonostante l’ansia di vivere a pochi passi dal vulcano, la Regione Lazio si prepara ma soprattutto lavora a rendere i propri cittadini consapevoli del pericolo, tutto quello che, invece, nel nostro territorio sembra rappresentare un vero tabù. Frosinone è stata da tempo individuata tra le aree maggiormente strategiche ad accogliere eventuali sfollati in caso di necessità.

“Release 2016”, così è denominata l’esercitazione che si è svolta lo scorso fine settimana. Come racconta Denise Compagnone sul giornale Ilmessaggero.it, l’attività coinvolge un gran numero di persone: 260 volontari della Protezione Civile, forze dell’ordine oltre ad una rappresentanza di cittadini e studenti. 23 tende da 8 posti ciascuna, un’area medica, una cucina e un’autocisterna. Tutto il necessario per la gestione di una primissima fase di emergenza.

Il Lazio si organizza, rompe la paura posizionando all’ordine del giorno un problema da anni dribblato con astuzia dai nostri amministratori favoriti da una generale paura degli abitanti vesuviani, abituati a convivere con il Vesuvio non più considerato come un pericolo incombente.

Video tratta da Tele Universo Tv 

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=4EsjYM4vKwI[/youtube]

 

Potrebbe anche interessarti