#RilancioBagnoli. Ecco come verrà trasformata Bagnoli: Campus, hotel e funivia

Bagnoli

#RILANCIOBAGNOLI è il programma di bonifica e rigenerazione urbana presentato dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi per valorizzare e far ripartire l’area dell’ex Italsider.

La fabbrica venne chiusa 23 anni fa e 300 milioni di euro impiegati per bonifiche che non sono state completate, ora il progetto prevederà una trasformazione completa del sito. Nella zona sarà vietata la costruzione di palazzi residenziali, che avrà una vocazione principalmente turistica e rivolta al rilancio dell’economia marina. Verrà realizzato un parco, una smart grid (rete di informazione e di distribuzione elettrica razionale), un Green data center (centro informatico ecosostenibile) e un centro di ricerca Hi-Tec con un campus universitario.

Altra grande novità sarà l’interramento di via Coroglio, il ripristino della funivia Posillipo – Nisida, nonché l’istallazione del “miglio azzurro”, che ospiterà attività legate alla tradizione nautica locale, dei maestri d’ascia coniugata all’utilizzo delle nuove tecnologie.

Uno degli interventi di bonifica previsti consiste nella rimozione della “colmata”, cioè l’estensione artificiale costruita lungo la costa durante le attività industriali, per agevolare le procedure di carico e scarico dei materiali e dei combustibili. Rilanciare l’economia del mare con un porto turistico con 700 posti barca, uno stadio della vela con centro per la preparazione olimpica e due alberghi. Progettato anche un nuovo waterfront, che includerà una terrazza attrezzata per il tempo libero affacciata sul golfo di Nisida, collegato ad un parco e a delle piscine.

Ma quando sarà possibile vedere tutto ciò? Le bonifiche saranno realizzate in due fasi: attività prioritarie da concludere entro il 2016 e attività strutturali di medio termine, da avviare entro il 2016 e concludere entro il 2019.

La ripulitura di Bagnoli vale 272 milioni di euro,  – ha dichiarato Renzi – che serviranno per riconsegnare l’area ai napoletani e per ridare a Napoli il ruolo di capitale del Mezzogiorno“.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più