Caso Luigi Necco, individuato l’aggressore: è un incensurato di Marano

luigi neccoEra stato aggredito sabato sera in piazza Arenella, a Napoli, apparentemente senza motivo alcuno. Parliamo di Luigi Necco, ex giornalista Rai e storico volto di 90° Minuto. Secondo quanto dichiarato dall’uomo alla Polizia, il diverbio era partito a causa di una presunta manovra avvenuta ai danni della vettura dell’aggressore, che aveva reagito con calci e pugni, oltre che con il furto della telecamera del giornalista.

La svolta sul caso si è raggiunta ieri, quando è giunta la notizia della confessione di un incensurato di Marano, Salvatore Della Monica, che si è presentato ad un altro Commissariato di Polizia per restituire la telecamera che aveva rubato al giornalista e per fornire la sua versione dei fatti. “Chiedo scusa per quello che ho fatto, ma ieri ho perso la testa – le sue parole riportate da Il Mattino – Ho sbagliato, sono sinceramente e profondamente pentito, ma voglio allo stesso tempo precisare una cosa: non ho alzato un dito e tanto meno colpito a calci e pugni nessuno. E chi ha visto come sono andate le cose lo potrà testimoniare”. 

L’uomo, un imbianchino di 32 anni, ha anche chiesto scusa a Necco, continuando però a negare di aver usato violenza nei suoi confronti:Non riesco a dormire. Vi chiedo di nuovo scusa per quello che ho fatto e sono pronto a risarcire il danno che vi ho cagionato alla macchina. Faccio l’imbianchino, e la macchina la sto pagando a cambiali che scadranno tra 10 anni. Perdonatemi: fatelo come se fossi vostro figlio. Anche se non riuscirò a ottenere il suo perdono, so di avere la coscienza pulita e di non avere mai alzato le mani su Necco”.

Una vicenda sgradevole ma tutto sommato finita bene. Necco, che compirà tra pochi giorni 82 anni, sul suo profilo Facebook ha ringraziato tutti i napoletani per la vicinanza e la solidarietà mostrategli in questi giorni difficili. Con la speranza che Napoli non sia mai più protagonista di atti di violenza gratuita. 

Potrebbe anche interessarti