Follia a Fuorigrotta. Aggredito autista bus: gli spaccano la testa

gennaro genny laudiero
Foto di Gennaro Genny Laudiero

E’ successo intorno alle 23 di ieri sera. Un autobus ANM si trovava a Fuorigrotta, nei pressi di Piazzale Tecchio, quando un uomo sulla sessantina è corso verso l’autista nello stazionamento e lo ha colpito spaccandogli una bottiglia di vetro sulla testa.

La vittima, Vincenzo Ezio Lucchese, un 44enne di Quarto, è stato trasportato al vicino Ospedale San Paolo dove ha ricevuto le prime cure mediche. Trenta punti di sutura al volto, ferite permanenti e il rischio di perdere un occhio. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato.

Sui social è esplosa la rabbia e l’indignazione di amici e colleghi costretti a lavorare ogni giorno in condizioni difficili affrontando numerosi pericoli. Un collega e attivista presso l’Unione Sindacale di Base ha postato su Facebook la foto: “E’ intollerabile che un lavoratore venga così brutalmente aggredito mentre svolgeva il suo lavoro. Bisogna mobilitarsi immediatamente in azienda e fuori per denunciare lo stato di pericolo e degrado a cui sono sottoposti gli autisti e il personale viaggiante“.

Anche il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha espresso la sua solidarietà all’autista e si è recato stamane a fargli visita all’ospedale San Paolo: “Ho voluto esprimere, a nome mio personale e dell’intera amministrazione comunale, piena solidarietà e vicinanza a Vincenzo Lucchese selvaggiamente e barbaramente aggredito a Piazzale Tecchio. Coraggio Ezio ! Ho già chiesto ai vertici dell’azienda del trasporto pubblico di mettere in campo – per quanto possibile – ogni ulteriore iniziativa per salvaguardare l’incolumità di autisti ed utenti. Al Prefetto ed agli Organi preposti alla prevenzione e alla repressione dei reati chiedo di fare di tutto per maggiormente garantire l’incolumità di chi svolge un lavoro già in condizioni difficili, a causa dei tagli pesantissimi che dall’alto sono calati sulle aziende urbane di trasporto pubblico. Voglio sottolineare che l’Amministrazione che ho guidato ha impedito con coraggio e determinazione, in questi cinque anni, tagli e licenziamenti ed ha assicurato il salvataggio dell’Azienda Pubblica. Nessun licenziamento in questi anni, per i prossimi cinque anni assumeremo. Oggi grazie al risanamento dei conti, ed in attesa che altri facciano la loro parte, stiamo lavorando per il potenziamento del personale per garantire così anche una maggiore sicurezza per i lavoratori e per chi utilizza il trasporto pubblico in città“.

Potrebbe anche interessarti