Giugliano.10 anni, ustionato su gambe e braccia: lavorava in un’officina

ustionato

La polizia di Giugliano ha indagato sull’incidente che, ieri, ha visto un bambino di 10 anni ricoverato d’urgenza al Pronto Soccorso, per aver riportato ustioni su gambe e braccia; ebbene, la versione primordiale, secondo la quale il ragazzino si sarebbe bruciato mentre giocava con gli amici a dar fuoco a sterpaglie, si è scoperta fittizia.

Ad approfondire la vicenda, la squadra mobile di Giugliano guidata da Pasquale Trocino; gli agenti hanno ipotizzato che ci fosse di più dietro la vicenda ed era così: il bambino, infatti, G.M., ricoverato al Santobono di Napoli, è stato vittima di un incidente sul lavoro, siccome lavorava a nero in un’ officina di via La Madonnella  a Giugliano.

L’ustione sarebbe, pertanto avvenuta, mentre adoperava attrezzi da lavoro. Attualmente il titolare dell’attività, la quale, inoltre, risulta non a norma, è stato denunciato e l’officina in questione posta sotto sequestro.

Sotto analisi, invece, degli inquirenti è la posizione dei genitori.

Una tragica vicenda che tocca lo scenario del lavoro nero minorile, una piaga, purtroppo, ancora presente in alcune realtà nostrane e che risulta emblema di quel freno all’evoluzione sociale, che spesso, tarda ad arrivare.

 

Potrebbe anche interessarti