Il giallo di Maria pian piano si svela: trovati altri oggetti nell’auto di Daniel

Maria BeneventoProseguono le indagini sul giallo di San Salvatore Telesino che ha visto vittima la piccola Maria, ritrovata morta in una piscina di un ristorante – casale, al momento dei fatti, chiuso al pubblico.

E al centro dei sospetti degli inquirenti ancora Petru Daniel Ciocan, il rumeno di 21 anni che ha dichiarato, fin da subito, di esser stato in compagnia della bambina per circa 40 minuti, ossia dalle 19.00 alle 19.45, prima di lasciarla.

Ciocan risulta essere l’unico soggetto su cui si concentrano le attenzioni delle forze dell’ordine, ma non è il solo indagato. Infatti, assieme al ragazzo, anche la sorella di quest’ultimo risulta al centro delle indagini degli inquirenti, poiché Petru Daniel avrebbe dichiarato che era intenzionato a dirigersi verso casa della sorella Cristina a Telese Terme, se la strada, quella sera, non fosse stata chiusa per una manifestazione sportiva.

I Ris dei carabinieri, tuttavia, stanno procedendo ad analisi dettagliate che riguardano eventuali tracce di cloro sugli abiti del giovane rumeno o anche di altri elementi chimici presenti nelle piscine. Inoltre, la scientifica sta effettuando anche analisi su tutti gli oggetti ritrovati nella Polo di Ciocan, dal momento che il giovane ha dichiarato di aver speso nella propria auto il tempo con la piccola. La squadra investigativa ha rinvenuto una bottiglietta d’acqua e delle calze, probabilmente indossate dalla piccola. Su questi oggetti si sta indagando meticolosamente.

Qualsiasi traccia potrebbe portare importanti risultati. I responsi dei Ris arriveranno nelle prossime ore e ci vorranno almeno 10 giorni per incrociarli con le prove attuali e tentare di ricostruire tutta la cronaca dei fatti. Nel frattempo, si continuano a sentire le persone che potrebbero risultare testimoni, anche se nessuno nelle vicinanze del ristorante ha fatto caso a rumori o ha visto qualcuno entrare nel casale.

Potrebbe anche interessarti