Malattie rare, Premio Giornalistico Omar per ‘Un Posto al Sole’

un-posto-al-sole

Un Posto al Sole ha ricevuto il premio della giuria Omar (Osservatorio Malattie Rare) per “la correttezza, l’approfondimento e l’equilibrio con cui i “daily drama” hanno affrontato il tema della diagnosi e della presa in carico di una neonata affetta da una malattia rara”.

La Giuria ha deciso di assegnare il premio alla fiction più longeva della televisione italiana per il modo in cui ha raccontato la diagnosi e la successiva presa in carico di una neonata. Irene, figlia dei personaggi, Filippo e Serena, a pochi mesi dopo la nascita comincia ad avere strani sintomi: si muove poco, dorme troppo.

Come spesso accade all’inizio è solo la madre a notare queste cose, poi un medico consiglia di fare delle indagini al Tigem – Telethon Institute of Genetics and Medicine di Pozzuoli, dove è attivo un progetto pilota per l’analisi delle malattie genetiche sconosciute.

La storia rispecchia il dramma di tante famiglie che si ritrovano ad affrontare questo problema e agli spettatori arrivano messaggi chiari sulle procedure da seguire per la diagnosi e sulla presa in carico successiva.

Crediamo che quello di “Un posto al sole” sia un caso virtuoso di come un prodotto televisivo di carattere generalista e di intrattenimento possa diventare uno strumento di grande importanza per sensibilizzare e informare i cittadini sull’esistenza delle malattie rare – commenta Francesca Pasinelli, Direttore Generale di Fondazione Telethonè proprio da questa consapevolezza che è possibile intervenire rapidamente e diagnosticare in tempo utile patologie genetiche rare per cui un intervento tempestivo e precoce può essere determinante. L’impegno della nostra Fondazione, oltre a sostenere la ricerca sulle malattie genetiche rare, volge anche a diffondere il più possibile tra i cittadini la conoscenza di patologie spesso difficili da riconoscere”.

Potrebbe anche interessarti