Anche Eurogroup dice no ai prodotti campani

Frutta

“E’ inammissibile che una società importante come Eurogroup Italia, che si occupa dell’acquisto e della vendita di prodotti ortofrutticoli per il gruppo Rewe Germania e per Coop Svizzera, nonostante ci siano evidenze analitiche che testimoniano la salubrità delle produzioni agricole locali, arbitrariamente decida di escludere dagli approvvigionamenti i prodotti provenienti dalle aree di Napoli e Caserta“, così denuncia l’assessore all’Agricoltura della Campania Daniela Nugnes.

Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un arbitrario dietro front che mette in ginocchio l’economia nostrana. Cosa ne sarà delle nostre campagne? A questo punto dopo anni di sversamento incontrollato di rifiuti industriali i dubbi sulle analisi effettuate esistono. I casi sono due: o le analisi sono inattendibili oppure queste grandi aziende hanno paura di rischiare, di compromettersi con la nostra regione visto il polverone mediatico che si è alzato sulla Terra dei Fuochi.

Dopo i casi Findus e Pomì, una nuova tegola si abbatte sull’economia campana.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più