Foto. Ruben, riconosciuta la sua famiglia con due madri: Napoli prima città in Italia

ruben-4Ora è ufficiale: il piccolo Ruben ha due madri, e la sua famiglia è stata definitivamente riconosciuta. La sua storia aveva commosso tutti, ma aveva anche diviso molti, visto che si opponeva alla legge italiana e alle sue convenzioni. Ruben ha rischiato di essere un “bimbo fantasma” in Italia, perché nel nostro Paese non puoi avere due mamme, ma solo una mamma e un papà. Ma gli sforzi di Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, sono stati premiati: il bambino è stato nuovamente iscritto al registro dell’anagrafe, e la sua è una famiglia ufficialmente riconosciuta.

La gioia è tutta nelle parole di De Magistris: “Finalmente ce l’abbiamo fatta, piccolo Ruben Conte Loi: la tua famiglia, in cui vivi felice da un anno e pochi mesi con le tue due mamme Marta e Daniela viene riconosciuta in modo definitivo (finalmente!) dalla pubblica amministrazione. Quando sarai grande riuscirai forse a sorridere di questa vicenda, e di quella burocrazia legnosa che aveva preferito la rigidità letterale dei regolamenti alla pienezza dei tuoi diritti di bambino; quella burocrazia verso cui abbiamo opposto resistenza sotto la luce-guida dei principi della Costituzione, finché un tribunale non ti ha dato ragione”.

Dopo le unioni civili, da Napoli arriva un’altra apertura verso quelli che sono considerati “diversi” dalla società:Quando sarai grande – continua De Magistris su Facebook – nessuno metterà più in dubbio la bellezza di una famiglia come la tua, perché tutti avremo capito che i modelli culturali si evolvono, e che una famiglia è basata sull’amore e non sui regolamenti. Da napoletano prima che da sindaco sono orgoglioso che i tuoi diritti, Ruben, li abbiamo affermati proprio a Napoli, prima città d’Italia a trascrivere nei suoi registri il nome di un bimbo con due mamme. Napoli, come disse lo scrittore, è una città d’amore”.

FOTO dal profilo Facebook di Luigi De Magistris

ruben-2 ruben-3 ruben

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più