L’olio di palma non fa male: lo dice l’Università Federico II di Napoli

Napoli. L’olio di palma non fa male. E’ la conclusione scientifica alla quale sono arrivati medici ed esperti riuniti nell’Aula Magna “L. Sorrentino” del Dipartimento di Farmacia in via Domenico Montesano 49, dell’Università Federico II di Napoli. Una Giornata di informazione e di approfondimento intitolata “Olio di Palma si, olio di Palma no” sulle varie criticità collegate all’uso dell’olio di palma nel campo salutistico-nutrizionale e al suo impatto a livello ambientale ed ecologico come tipo di coltura.

L’olio di palma, secondo i relatori, solo se lavorato a temperature sopra i 200 gradi e senza adeguati controlli tecnologici potrebbe sviluppare alcune sostanze potenzialmente nocive.

L’incontro, organizzato dal professor Alberto Ritieni del Dipartimento di Farmacia, ha visto presenti sul palco il professor Gabriele Riccardi della Scuola di Medicina dell’Ateneo Federiciano e il dottor Marco Silano Direttore del Reparto Alimentazione, nutrizione e salute del Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare dell’Istituto Superiore di Sanità che hanno approfondito in particolar modo le ricadute nutrizionali, di sicurezza e l’impatto del consumo di olio di palma sulla salute dei consumatori.

A questi aspetti d’interesse strettamente scientifico si sono affiancati, con il supporto della dottoressa Monica Rubino, giornalista del quotidiano “La Repubblica“, e del dottor Andrea Cuomo, inviato del quotidiano “Il Giornale“, il punto di vista mediatico e di comunicazione che è stato trasferito in maniera corretta o meno ai consumatori durante gli ultimi mesi.

Il tavolo dei Relatori è stato moderato dal dottor Riccardo Quintili, Direttore del mensile “Il Test Salvagente“. Al termine della Giornata di lavori c’è stata una discussione aperta e interattiva con i partecipanti presenti in sala che hanno posto ai Relatori quesiti e richieste di approfondimenti che arricchiranno ulteriormente le informazioni trasferite nel corso delle diverse esposizioni.

Potrebbe anche interessarti