Pascale, arrestato anche primario oncologia: lucravano su medicinali per malati terminali

Pascale

F. I. , primario del Pascale, direttore della struttura di oncologia chirurgica addominale dell’Istituto Tumori di Napoli e sua moglie, sono stati posti agli arresti domiciliari perché avrebbero lucrato sulle forniture di prodotti per malati terminali di oncologia.

Sono sette le misure cautelari, per corruzione, emesse dal Gip di Napoli ed eseguite in queste ore dal Nucleo di polizia tributaria guidata dal colonnello Giovanni Salerno.

L’inchiesta dei pm Henry John Woodcock e Celeste Carrano, coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, ha accertato che il primario avrebbe affidato a trattativa privata la fornitura del materiale oncologico distribuito da una società riconducibile alla moglie del medico.

La vicenda coinvolgerebbe anche l’amministrazione del nosocomio, in quanto nessuno avrebbe controllato e scoperto gli episodi. Arrestati anche membri dell’azienda che forniva i prodotti per la cura del tumore al fegato.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più