Lutto allo Zoo di Napoli, è morta la tigre Valentina: da 20 anni viveva in cattività

Lutto allo Zoo di Napoli: è morta Valentina, una meravigliosa tigre che da venti anni viveva in cattività nella struttura per animali di Fuorigrotta. A diffondere la notizia è stato il consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli e l’animalista Patrizia Cipullo: “E’ morta Valentina, una delle tre tigri che viveva nello zoo di Napoli: era lì già prima della chiusura per il fallimento della società che gestiva la struttura”.

Patrizia Cipullo era allo zoo “per verificare le condizioni di un’altra tigre, Kashmir che, così come Valentina, soffre di insufficienza renale ed è stata trasferita in un’area non accessibile al pubblico per ricevere le cure necessarie visto che, oltre all’insufficienza renale, deve fare i conti anche con un’artrosi che la costringe a stare accovacciata per gran parte della giornata”.

Ma Purtroppo, per Valentina, che aveva oltre venti anni e viveva nello zoo di Napoli dal 1998 “non c’è stato nulla da fare ed è stato necessario sopprimerla per non farla soffrire inutilmente”, hanno aggiunto Borrelli e Cipullo sottolineando che “l’altra tigre superstite del gruppo iniziale, Kira, vive nella nuova area dedicata ai felini, dove tra l’altro sono arrivati anche due altri esemplari, Annibal e Arcana che è uno splendido esemplare di tigre bianca”.

Ma la nuova area dedicata alle tigri, pur nei limiti legati a una struttura come uno zoo, è chiaramente un grande passo in avanti rispetto alle condizioni in cui erano costrette a vivere i felini fino a pochi mesi fa quando erano ospitate in gabbie piccole e vecchie. Borrelli e Cipullo hanno garantito “controlli continui per verificare che il piano di riqualificazione continui e che gli animali, che devono per forza vivere lì perché non è possibile rimetterli in libertà, continuino a essere trattati con la dovuta attenzione”.

Le tigri allo Zoo di Napoli

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più