Capri, troppi turisti sulle scalinate: il sindaco le annaffia. È polemica

 

Capri – A Capri è scattato il divieto di sedersi sulle scale della celebre piazzetta, abitualmente affollate di turisti e villeggianti sull’isola azzurra. Il provvedimento è stato adottato dall’amministrazione comunale. Agenti della Polizia Municipale e dei Servizi di pulizia, identificabili con una t-shirt verde e lo stemma del Comune di Capri, nel primo pomeriggio di oggi hanno invitato hanno invitato cortesemente alcuni turisti a lasciare libero il passaggio sulle scale.

Appena lo spazio è stato liberato un addetto, munito di innaffiatoio, ha provveduto a bagnare l’intera gradinata e tutti gli spazi che potevano essere occupati da chi avesse voluto sedersi per osservare il via-vai della piazzetta più celebrata al mondo. Un provvedimento analogo era già stato preso negli anni ’90 dal sindaco Costantino Federico,ma era inapplicato da tempo. L’ invasione di visitatori dell’ isola delle ultime settimane, però, ha indotto gli amministratori a liberare spazi necessari al passaggio dei pedoni.

In molti hanno iniziato a protestare contro la scelta e, soprattutto, contro le modalità utilizzate. Fra i detrattori spiccano il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e la coordinatrice dell’esecutivo nazionale Fiorella Zabatta che dichiarano: “La decisione lascia davvero interdetti, soprattutto in questo periodo in cui la Campania è alle prese con una carenza idrica che potrebbe anche peggiorare e andrebbero evitati gli sprechi d’acqua”.

“Al di là dello spreco di acqua, – continuano – da condannare sempre, la decisione del Sindaco caprese pare davvero fuori luogo e puzza di razzismo verso quei turisti che, per scelta o per condizioni economiche, non vogliono o non possono andare nei ristoranti capresi, spesso costosissimi, ma vogliono ugualmente ammirare le bellezze dell’isola azzurra”

Potrebbe anche interessarti