Camorra, presunto boss in libertà: scarcerato perché il processo è troppo lento

sovraffollamento delle carceriScarcerato per decorrenza dei termini della custodia cautelare: è questo il motivo per cui 3 uomini ritenuti legati alla camorra dell’area a nord di Napoli sono stati rimessi in libertà. Cronache della Campania riferisce che si tratta di presunti appartenenti al clan Ferrara Cacciapuoti di Villaricca: Luigi Cacciapuoti, Luigi Ciccarelli e Vittorio Maglione, ma quest’ultimo resta dietro le sbarre per altri guai con la giustizia.

Il Tribunale del Riesame ha accolto la richiesta dei legali, che chiedevano la scarcerazione poiché superati i 3 anni entro i quali deve giungere la sentenza di primo grado: rilevando che gli anni trascorsi erano ben quattro, e quindi i termini ampiamente decorsi, i magistrati non hanno potuto che prendere tale decisione.

Potrebbe anche interessarti