Attentato Barcellona, uccisi 5 assalitori: ci sono 13 morti. Feriti anche degli italiani

Ritorna a colpire il terrorismo islamico nel cuore dell’Europa. Ieri un un furgone è piombato sulla Rambla di Barcellona, una delle vie principali della città spagnola. Il bilancio, ancora provvisorio, parla di 13 morti e 100 feriti. Tra questi, 16 sarebbero in gravi condizioni. La polizia ha ucciso 5 killer, tutti indossavano cinture esplosive. L’Isis ha rivendicato l’attacco: si tratta del primo attentato islamista in Spagna dopo la strage dei treni di Madrid del 2004.

Nella notte c’è stato un attacco a Cambrils: un’automobile ha investito un mezzo della polizia e la gente che si trovava nelle vicinanze. La polizia ha confermato che l’attacco a Cambrils è collegato a quello di Barcellona.

Coinvolti in questa strage anche tre italiani: due sono stati ricoverati e dimessi, mentre una terza persona è ricoverata con fratture ma non è in pericolo di vita. L’ambasciatore italiano in Spagna Stefano Sannino ha detto di non poter confermare la notizia di una vittima italiana.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più