La Pianura Padana vista dallo spazio è una cappa di smog: al Nord 24 città fuorilegge

Per anni il Sud Italia è stato “bombardato” e umiliato dai media e dall’opinione pubblica per la famigerata “Terra dei Fuochi”, la terra dei veleni che ha sconvolto il mondo intero.

Eppure ne esiste un’altra che fa meno rumore, la Pianura Padana dallo spazio appare come una cappa di smog, un “coperchio” di aria stagnante e satura di elementi inquinanti (come dimostrano i dati delle centraline antismog) che insiste su una vasta area che va da Torino all’Adriatico interessando Piemonte, Lombardia, Emilia, Veneto e Friuli.

La foto è stata scattata dall’astronauta italiano Paolo Nespoli, in orbita attorno alla Terra che rende visibile la situazione ambientale del Nord Italia. Sul resto dell’Europa invece il cielo è terso e i contorni di coste e catene montuose sono ben visibili. La cattiva qualità dell’aria e i suoi effetti sulla salute umana sono un’emergenza per il momento esclusiva del Nord Italia.

Il rapporto Mal’aria di Legambiente ha segnalato 24 centri urbani che hanno superato i limiti di legge. La città peggiore è Torino con 66 giorni di superamento dei limiti nel 2017. Seguono Cremona, Padova e Milano.

Come riporta Legambiente, “in Italia si continua a morire per l’aria inquinata: oltre 60mila persone muoiono ogni anno nel nostro paese a causa dell’esposizione a inquinamento da polveri sottili”.

Secondo quanto spiega Lifegate, il fenomeno fotografato dallo spazio è definito caligine ed è dovuto all’inquinamento. È causato dalla presenza nell’aria di minuscole particelle solide, tra cui le sostanze inquinanti, che determina l’opacità dell’atmosfera e una ridotta visibilità. E’ molto diffuso in Asia, dove lo strato di caligine raggiunge addirittura i 3 km di spessore.

Potrebbe anche interessarti