I legali di Zagaria citano la Rai: “Non sono vere le avance alla ragazzina nella fiction”

Sotto copertura 2-La cattura di Zagaria è stata una delle fiction tv Rai, meglio riuscite negli ultimi tempi. Infatti sono stati altissimi e da record i numeri raggiunti per il grande interesse suscitato da tutti.

Il pubblico è stato rapito non solo dalla storia vera sulla cattura di Zagaria, che ha mostrato le varie difficoltà riscontrate dalle forze dell’ordine prima di mettere fine alla sua latitanza durata 17 anni, ma soprattutto dagli slanci emotivi e sentimentali, come la bella storia d’amore tra Nicola, scugnizzo che si è ribellato alle angherie del boss, e Agata, figlia del boss personaggio.

Ovviamente, come ogni fiction che si rispetti, ai fatti reali si aggiunge sempre quel pizzico di fantasia che non guasta per rendere il tutto più appetibile alle richieste del pubblico, ma in un caso particolare, questa estrema distensione fantasiosa non è piaciuta nè al boss Michele Zagaria nè ai suoi legali. E ciò che ha infastidito e disgustato- come si legge dal comunicato- sono state proprie quelle allusioni su presunte avance sessuali verso la figlia minorenne della famiglia che lo ha ospitato, nascosto e tutelato per anni.

Dal comunicato inviato ai colleghi del Mattino si legge, estrapolando solo la parte più importante che:

“Ciò che viene narrato non è assolutamente realistico e molti sono i particolari inventati dagli sceneggiatori: uno fra tutti, e forse il più grave, quello che dipinge Michele Zagaria come un uomo attratto sessualmente dalla giovane figlia della famiglia che per anni lo ha ospitato: cosa che ha profondamente offeso e disgustato il nostro assistito”

Per questo motivo i legali che difendono il boss hanno annunciano di aver depositato un ricorso cautelare presso il Tribunale di Roma, rivolto sia alla Rai che alla casa produttrice Lux Vide, perseguendo il fine di difendere e tutelare la propria immagine ed identità personale, oltre che chiarire e condannare la falsità dei fatti raccontati dalla fiction.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più