Napoli. Ex Birreria Peroni rinascerà con appartamenti e negozi: il progetto

Napoli – Sarà uno dei progetti più ambiziosi, una grande opera di riqualificazione urbana di un’intera area nella zona di Miano, dove un tempo sorgeva l’ex stabilimento della Birreria Peroni e del Parco adiacente dove erano collocate le ville dei dirigenti. Il nuovo progetto riguarderà la realizzazione di un vasto parco con spazi verdi ma anche un grande complesso polivalente che si chiamerà “La Birreria”  che occuperà un’area di circa 10 ettari. In due anni di lavori saranno realizzati appartamenti residenziali, aree commerciali, zone di intrattenimento, servizi e ampi spazi verdi che si integreranno e trasformeranno definitivamente l’area a Nord di Napoli.

Sarà realizzato un grande centro commerciale urbano con oltre 70 attività tra negozi attività di vario genere e un supermercato di 2500 metri quadrati. Ampio spazio all’edilizia residenziale con oltre 300 appartamenti di piccole e medie dimensioni, un centro servizi, parcheggi interrati e parcheggi in un multipiano. Tante le aree relax e benessere, un parco urbano pubblico che sarà gestito direttamente dall’attuale proprietà e un centro per la sorveglianza e manutenzione del grande complesso. Nell’area interessata sarà presente anche un centro medico, un kinder garden.

Il progetto è stato approvato dal Comune di Napoli e dalla Regione Campania che hanno da subito varato il piano urbanistico. Il progetto avrà come investimenti privati per oltre 100 milioni di euro. Sarà un grande riscatto per il quartiere. Il grande parco pubblico inoltre sarà mantenuto dalla società che realizzerà il progetto.

Anche le zone che confineranno con l’area gioveranno della riqualificazione, infatti le strade saranno riqualificate con lavori che interesseranno sia il manto stradale sia l’allargamento delle carreggiate sia l’illuminazione. Sarà previsto anche il collegamento con la nuova stazione «Margherita» della metropolitana che nel giro di due anni consentirà il collegamento con la Linea 1 e il centro di Napoli.

Per le info clicca qui

Potrebbe anche interessarti