Crollo alla Reggia di Caserta: sequestrate 6 sale storiche del palazzo

A seguito del crollo avvenuto nella “Sala delle Dame” che ha visto il cedimento di parte del soffitto con la caduta di vaste porzioni d’intonaco, ieri i carabinieri hanno posto i sigilli su 6 stanze storiche della Reggia di Caserta. I sigilli sono stati apposti su disposizione della procura di S. Maria Capua Vetere.

I magistrati avevano inviato già nella giornata del 13 Novembre un piccolo gruppo di polizia giudiziaria e di vigili del fuoco. Avevano il compito d’indagare sulle cause del crollo e di verificare che il piano di sicurezza fosse stato rispettato. Infatti l’incidente nella Sala delle Dame è avvenuto proprio durante l’orario di visita ed i calcinacci caduti hanno colpito anche una panchina disposta per i visitatori. È stato solo un caso che su quella panchina non ci fosse nessuno.

Come riporta il corriere.it, adesso la direzione della Reggia ha creato dei percorsi alternativi per i turisti. “Si sta procedendo ad avanzare istanza di dissequestro provvisorio delle sale per proseguire l’intervento di restauro già avviato a partire da lunedì” spiegano i vertici della Reggia. Il giorno dopo il crollo la direzione aveva autorizzato un intervento per catalogare e conservare i frammenti d’intonaco che erano caduti.

Il pronto intervento affidato a un restauratore specializzato ha confermato l’ipotesi iniziale che attribuiva lo strato di intonaco distaccato ad un rifacimento tardo, presumibilmente successivo al terremoto del 1930 o al periodo della seconda guerra mondiale. La causa del distacco dell’intero strato di finitura deve essere infatti presumibilmente individuata nella scarsa adesione dello strato di calce all’arriccio preesistente, dato che nello strato di preparazione della piattabanda in muratura rimasto in sito non si rilevano né macchie di umidità né lesioni” specifica la nota di Palazzo Reale.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più