Napoli, baby gang rompe il naso a un 15enne: “Coinvolto senza accorgermene”

Baby gang

La scia di sangue che in questi ultimi mesi vede protagonisti ragazzini riuniti in baby gang che puntano coetanei con lo scopo di usare violenza non si ferma. Si allunga ancora di più l’elenco dei tristi avvenimenti legati alla violenza adolescenziale. Sono tanti i nomi delle vittime e numerosi i danni fisici e psicologici che hanno subito.

Ragazzi picchiati e accoltellati senza senso. I danni sono sempre più gravi e le violenze sempre più assurde. Basta ricordare uno degli ultimi episodi dove i protagonisti sono stati anche agenti delle forze dell’ordine. Le baby gang non si sono fermate nemmeno davanti a loro.

La vicenda questa volta vede coinvolto un ragazzino di 15 anni. Come rende noto Ansa.it, il giovane ha raccontato alle forze dell’ordine del commissariato di San Carlo che poco prima della mezzanotte a Piazza Carlo III è stato coinvolto in una colluttazione presso un bar che fa angolo con Corso Garibaldi. Il 15enne avrebbe spiegato agli agenti di essersi trovato nella rissa “senza accorgermene”.

E’ stato colpito al volto da un altro coetaneo. Il quindicenne è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso del Cardarelli con il naso fratturato. La prognosi è di 22 giorni. Il ragazzo ha confessato di non conoscere i ragazzi che l’hanno coinvolto. La Polizia del commissariato di San Carlo sta svolgendo indagini per far chiarezza sull’ennesimo caso di violenza.

Potrebbe anche interessarti