Dall’infortunio alla rinascita: Milik è decisivo. E se fosse lui l’uomo dello scudetto?

Il gol di Milik è importante per lui e per noi. Quando è in salute ci fa capire quanto sia stata devastante la sua assenzaCosì parlava Maurizio Sarri nel post-gara di Napoli-Chievo. Una partita decisa allo scadere da Milik e Diawara. Proprio l’ingresso in campo del polacco fu determinante per le sorti del Napoli, che rischiava di scivolare a -7 dalla Juventus.

Ieri, con l’Udinese, la partita è stata molto simile. Napoli che perde 2-1 contro i friuliani e Juventus che si porta momentaneamente a +9. Campionato già chiuso, o quasi. Poi Simy a Crotone fa CR7 e si inventa una rovesciata che riapre il discorso scudetto. Albiol prima e Milik poi ribaltano l’Udinese, con l’ultima firma di Tonelli che sigla il 4-2 finale.

Anche stavolta, l’attaccante polacco è risultato decisivo. Dopo un calvario lungo più di 6 mesi, Milik si è ripreso una maglia da titolare che mancava da tanto (troppo) tempo. Un ragazzo molto sfortunato, ma che ha saputo rialzarsi proprio nel maggior momento di necessità del Napoli. Se Callejon e Mertens non vedono la porta ed Insigne gioca a fasi alterne, Milik può essere la vera arma in più della squadra di Sarri.

Un Napoli, va detto, meno brillante e bello da vedere rispetto all’inizio della stagione. La stanchezza arriva per tutti, e lo sa bene anche la Juventus, che ha perso 4 punti tra Spal e Crotone. Acquista ancor più valore, quindi, il suo rientro in campo: non solo un giocatore “fresco”, che non ha risentito delle fatiche della stagione, ma anche un attaccante dalle caratteristiche uniche, che permette al Napoli di cambiare il solito spartito fatto di possesso palla ad oltranza.

Un attaccante d’area di rigore che può risolverti una partita anche quando la squadra non è in giornata. Anche a San Siro, infatti, Milik sarebbe potuto diventare l’eroe di giornata, se non avesse incontrato uno strepitoso Donnarumma sulla sua strada. Intanto Sarri se lo gode, e riflette su un possibile impiego del gigante polacco dall’inizio anche a Torino. Il match contro la Juventus dirà tutto sul destino del Napoli. Un pareggio o una sconfitta potrebbero significare un addio al sogno scudetto.

Per questo, Sarri sta pensando a nuove soluzioni tattiche in vista del match dello Stadium: 4-3-3 con Milik al centro dell’attacco o un più offensivo 4-2-3-1 con tutti gli attaccanti già in campo? Il tecnico azzurro medita attentamente. I tifosi partenopei, invece, sperano che Milik possa essere l’uomo della provvidenza, l’attaccante che con i suoi gol ritrovati possa decidere un campionato.

Potrebbe anche interessarti