Restituita a Napoli dopo 40 anni una statua del ‘500: era in Francia

Foto della Farnesina

Napoli – Torna finalmente a casa la statua di San Giovanni Battista, opera dell’artista nolano Girolamo Santacroce. Ieri 20 giugno 2018 è stata restituita dai carabinieri del Nucleo Tutela patrimonio culturale (Tpc) alla chiesa di San Giovanni di Carbonara dopo ben 40 anni.

La scultura del Cinquecento in marmo bianco di Carrara, raffigurante S. Giovanni Battista, di circa 100 cm. di altezza, risalente al XVI secolo e attribuita all’artista Gerolamo Galizzi, detto Gerolamo di Santacroce, infatti, era stata rubata nel 1977. Grazie al lavoro dei militari della Sezione antiquariato del Reparto Operativo Tpc la statua è tornata a Napoli, dopo un lavoro di indagini iniziate nel 2015. Il San Giovanni faceva parte della parete frontale della cappella della chiesa napoletana, costruita tra il 1339 e il 1418 dagli Angioini.

I militari hanno concentrato le proprie ricerche su un commerciante di Lucca che, pur non essendo un antiquario o un collezionista, aveva proposto la vendita della scultura presso il famoso mercato dell’antiquariato di Montpellier in Francia. La comparazione della foto della statua messa in vendita in Francia con quella presente nei database dei beni culturali rubati, insieme a rilievi tecnici sul luogo del furto, nonchè attraverso studi degli archivi storici, si è giunti all’individuazione della scultura rubata negli anni ’70.

Molto importante per localizzare l’opera è stato anche la collaborazione dell’Interpol. Adesso finalmente la Chiesa di San Giovanni Carbonara potrà godere della sua bellissima statua, restaurata dall’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più