Cane “razzista” aggredisce i neri e diventa un idolo: “Li riconosce dall’odore”

Un caso sconcertante di razzismo che ha fatto il giro del web grazie a un video pubblicato su Facebook. La vicenda è accaduta ad Alassio ed è stata raccontata da una signora, che poi è stata costretta ad eliminare il video per l’enorme quantità di insulti che ha ricevuto nei commenti.

“Ho visto un cagnolino scendere le scale di un bar che dà sulla spiaggia e rincorrere abbaiando un ragazzo dalla pelle scura che vende libri. Naturalmente il cane era stato incitato dal suo proprietario. Nel mentre i bagnanti applaudivano compiaciuti”.

La donna è intervenuta in difesa del ragazzo di colore, venendo però pesantemente aggredita verbalmente. “Vaff…, putt… buonista del c…o. Prenditeli tu i negri a casa tua, così ti scopano meglio di tuo marito”: queste le parole indirizzate alla signora. Il proprietario ha poi commentato: “Il mio cane, come me, odia i negri”.

La donna, come detto, ha denunciato tutto con video ma ad avere la meglio sono stati i commenti di razzisti, che oltre a manifestare odio contro le persone di colore hanno anche rivolto la propria rabbia contro la signora, la quale oltre a cancellare il video ha anche eliminato il proprio account Facebook.

Il proprietario è stato poi intercettato da Repubblica: “Il mio cagnolino è un Jack Russell e si chiama Speed. Sì, è vero che lui riconosce i negri dall’odore e gli ringhia, ma non ha mai azzannato nessuno. Proprio ieri è venuto un signore svizzero di colore, molto distinto e a lui Speed non ha mai abbaiato. Lo sa… dipende dall’odore. Razzista? Ma come fa un cane a essere razzista? È solo che quando vengono i marocchini a vendere Speed li riconosce subito e li manda via”.

Si tratta di una evidente degenerazione del clima sociale e culturale che si vive in Italia, esasperato dalle campagne di odio verso i migranti. Un popolo di santi, poeti e navigatori che si rivela al contrario razzista, ignorante, cattivo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più