Cani e gatti, chi è più intelligente? Come scegliere il nostro amico a 4 zampe

Chi di noi non ha mai desiderato avere in casa un animaletto peloso da coccolare e crescere? Arriva spesso un momento nella nostra vita in cui avere un gatto o un cane costituisce un requisito quasi indispensabile. Il perchè è molto facile. Sia il gatto e sia il cane danno amore incondizionato ed in poco tempo diventano membri importantissimi della nostra vita.

Alcuni prediligono i gatti, altri i cani. Perchè questa sostanziale differenza? In effetti i comportamenti dei nostri 2 amici a 4 zampe sono sostanzialmente diversi. Apparentemente il cane sembra dare più affetto rispetto al gatto e sembra avere un rapporto quasi simbiontico con il suo padrone. Il gatto al contrario tende a stare sulle sue e sembra affezionarsi di più al territorio che al proprio amico bipede. Ma i gattofili ed i cinofili la pensano allo stesso modo sul fatto che cani e gatti siano i migliori amici dell’uomo, ma chi è più intelligente?

Se misuriamo  il cervello canino esso possiede una corteccia cerebrale costellata di neuroni contandone ben 530 milioni, mentre per il cervello felino il numero arriva solo a 250 milioni e questo sembra favorire i cani, perchè un numero così alto di neuroni darebbe loro maggiore consapevolezza dell’ambiente che li circonda ed una maggiore capacità nell’immagazzinare ricordi apprendendo nuove nozioni da essi.

Ma non è solo il numero di neuroni che rende intelligente un animale, se si analizza il comportamento di un cane e di un gatto ci sono potenzialità uniche sia dall’uno che dall’altro fronte rendendo così impossibile decretare chi dei due è più intelligente.

Cani e gatti al contrario di quello che si pensa hanno molti tratti in comune, come ad esempio l’udito molto sviluppato. Non di rado capita che al suono del phon o dell’aspirapolvere sia gatti che cani rimangono spaventati , alcuni cani addirittura assumono atteggiamenti di difesa contro i terribili elettrodomestici. I nostri amici a 4 zampe hanno un udito molto più sviluppato rispetto a noi umani. Hanno una vera affezione per la voce umana del padrone e per questo è utile usare sempre un tono pacato ed amorevole.

Un’altra caratteristica in comune è la vista. Vedono quasi allo stesso modo  ma hanno una diversa capacità di modulare la luce modificando anche la percezione dei colori. Nel gatto la vista notturna è leggermente più acuta e sono in grado di mettere a fuoco immagini più nitide rispetto ai cani, ma entrambi riescono a percepire immagini poco dettagliate rispetto all’uomo anche a pochi centimetri di distanza.

Per l’olfatto invece se la cavano nettamente meglio i cani che hanno molti più recettori olfattivi rispetto ai gatti, ma in entrambi i casi sentono gli odori molto meglio degli umani e lo usano insieme alla vista ed all’udito per orientarsi. Le differenze sostanziali infatti sta nel loro comportamento verso il padrone senza farne una questione di neuroni.

I gatti sembrano quasi schivare il padrone, cadendo in quelle solite dicerie che vedono il piccolo felino senza amore. In realtà il gatto sembra essere uno dei migliori amici dell’uomo, ma non mostra i suoi sentimenti, ma in fondo è intelligente, obbediente ed autonomo. Non per questo il gatto non necessita di cure, ma anzi ha bisogno di affetto e ama la propria casa. Il gatto domestico in genere è da relativamente poco che è entrato a far parte degli animali di casa.

Rispetto al cane l’avvicinamento all’uomo è avvenuto più tardi. Il gatto selvatico è schivo verso l’uomo e non sembra aver bisogno di esso, mentre i gatti che vivono nelle città girano in colonia e cercano l’appoggio dell’uomo. Anche se non mostrano affezione diretta come i cani, i gatti di casa si affezionano al padrone e nonostante la loro riservatezza si preoccupano anche del suo stato d’animo.

Il cane invece sembra essere l’opposto e questo perchè è stato addomesticato da secoli e rispetto al lupo, suo progenitore, ha scelto di sottostare all’uomo. I vantaggi che ne ha ricavato sono stati innumerevoli, ma anche il padrone ha il vantaggio di avere un amico fedele ed ubbidiente. Il cane a differenza del gatto dipende totalmente dal padrone, ma non solo, ama interagire con esso intrattenendo così un vero rapporto di amicizia e fedeltà.

In conclusione cani e gatti sono potenzialmente diversi, ma sostanzialmente uguali, in quanto amano incondizionatamente il padrone dimostrandolo in modo diverso.

FONTI

“E’ più intelligente il cane o il gatto?” focus.it 

“7 luoghi comuni sui gatti” focus. it

“Come vedono i cani e i gatti” SocialDogCat.com

“Il gatto, uno dei migliori amici dell’uomo” focus.it

Potrebbe anche interessarti