Hotel di Ischia fa sconti a chi appoggia Salvini. Web scatenato: “Razzisti”

Forti sconti per chi sostiene il ministro dell’Interno Matteo Salvini. L’iniziativa è stata lanciata via Twitter da un noto hotel dell’isola di Ischia che ha promesso “Per tutti gli amici sostenitori di Salvini vi sarà applicato lo sconto“, con tanto di hashtag #salvininonmollare. Dall’hotel fanno sapere che l’iniziativa è nata dopo che il leader leghista è stato “bandito” dall’isola spagnola di Maiorca, con tanto di annuncio ufficiale che lo vede “persona non gradita”.

Il post, contro ogni previsione (secondo gli albergatori), ha spopolato sul web ed ha suscitato parecchie reazioni negative fra gli utenti, tanto da essere successivamente rimosso. Infatti, in molti hanno promosso una vera e propria campagna di boicottaggio con scritte, anche provocatorie, del tipo: “Lo evito: non sia mai che l’innominabile accetti l’invito che, sciaguratamente, gli è stato fatto, proprio nei giorni in cui stavo per prenotare…Meglio “altri porti “ più sicuri ed accogĺienti!“; “Pensare che volevo prenotare 20 giorni in questo hotel x 5 persone peggio per voi … tenetevi Salvini e tutti i razzisti come voi“; “Bravi!! Riempitevi di leghisti. Poi fate intonare un canto che #salvini conosce bene e che inizia con “senti che puzza…” e tutti insieme, in un’isola davanti a Napoli, cantatelo a squarciagola!“.

Ovviamente la cosa è piaciuta, non poco, a Salvini che ha rilanciato subito la notizia su i suoi profili social, ma quella che (forse) era stata studiata come una trovata pubblicitaria si è rivelata un’arma a doppio taglio per l’hotel, che si è visto rivolgere commenti negativi, tradotti anche in diverse lingue, anche sul noto portale Tripadvisor.

Al netto delle polemiche per il tweet, però, c’è da sottolineare una questione paradossale che nasce dal mancato inserimento di Ischia nella lista dei comuni che riceveranno i fondi destinati a chi è stato colpito dai terremoti. Salvini aveva da sempre annunciato, recandosi anche sui luoghi colpiti dal sisma, di voler aiutare l’isola, ma al momento buono tutte le promesse sono state disattese. Sorprende, quindi, la poca lucidità dell’hotel ischitano che, pensando di aver trovato un modo giusto per farsi pubblicità (cavalcando un’onda xenofobica, che ormai pervade l’Italia da Nord a Sud), ha invece scatenato (giustamente) la reazione di chi è consapevole che alle parole devono seguire i fatti.

Questo il tweet dell’hotel:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più