De Magistris: “Con Salvini aumenterà la violenza, dilaga il razzismo”

Polemica sempre più accesa tra il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ed il nuovo governo Lega-M5s. Il primo cittadino partenopeo questa mattina ha criticato il leghista Fontana e le sue recenti dichiarazioni, con le quali prendeva le distanze da quei sindaci (tra i quali lo stesso de Magistris) che avevano concesso il riconoscimento dei figli di coppie gay.

I bambini sono tutti uguali. Un bimbo che nasce deve avere gli stessi diritti degli altri bimbi anche se ha due genitori dello stesso sesso – ha scritto il primo cittadino su Facebook -. Uguaglianza senza distinzione di sesso recita la Costituzione nata dalla resistenza al nazifascismo. Le famiglie belle sono quelle dove c’è amore, la vera ricchezza di ogni legame. Mi interessa poco la forma, il contratto, il vincolo, la sessualità delle persone che si uniscono, per me la vera famiglia è quella dove c’è amore“.

Nel mirino di de Magistris non c’è solo Fontana, esponente di spicco del governo gialloverde, ma lo stesso ministro dell’Interno Matteo Salvini. Nelle scorse ore, il leader leghista ha minimizzato i recenti episodi di violenza a sfondo razzista, registrandoli come “un’invenzione della sinistra“. Insomma, per Salvini il problema razzismo in Italia non esiste.

Parole che proprio non sono piaciute a de Magistris, che ha attaccato, duramente, l’operato del ministro: “Mentre il Ministro dell’insicurezza interna cita Mussolini ‘tanti nemici tanto onore’ – scrive il sindaco su Twitter – dilaga la violenza razzista in Italia, ma il Governo dice che è tutt’appost. Con le politiche di Salvini violenza e insicurezza interna ed internazionale aumenteranno“.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più