Napoli. Prostituzione di trans e donne dell’Est: 8 arresti, al comando una donna

Carabinieri

Napoli – Le indagini dirette dai Carabinieri della Compagnia di Poggioreale in coordinamento con  la Direzione Distrettuale Antimafia partenopea hanno portato al fermo cautelare di 8 persone.

Le accuse che gravano su questi individui sono: estorsione, usura e favoreggiamento e sfruttamento alla prostituzione. Una vera e propria rete criminale che aveva legami con il clan camorristico dei Mazzarella, come conferma Il Mattino.

Al comando di questa rete illegale di traffici, una donna di San Giovanni a Teduccio, la quale controllava insieme ai suoi affiliati la prostituzione dei trans della zona, imponendo una posizione fissa e un pagamento fisso per le prestazioni, oltre che un pizzo. Il tutto avveniva sotto minaccia e con esternazione di atti violenti in caso qualcuno avesse intenzione di sottrarsi a queste imposizioni illegali. Ma la loro articolata rete di prostituzione non si fermava a questo. Infatti imponevano dei proventi anche sul guadagno delle prostitute dell’Est, le quali insieme ai transessuali erano costrette a elargire i loro servizi anche in camere d’ albergo con clienti procacciati dal gruppo criminale, i quali imponevano orari e tariffe.

Inoltre alcune delle persone fermate sono state accusate di elargire prestiti e di imporre tassi di usura esagerati per le restituzione.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più